10.1 C
Milano
mercoledì, Febbraio 21, 2024

Proverbio: Febbraio, febbraiello, cortino e bugiardello

CYBERBULLISMO, ECCO IL PODIO DELL’HACKATHON 2023: VINCE TRADATE, POI CORSICO E ASSAGO. ASSESSORE LA RUSSA: ANTIDOTO CONTRO VIOLENZA

Milano, 28 nov) La sesta edizione dell’Hackathon sulla sicurezza in rete e il cyberbullismo dal titolo ‘Penso, dunque posto (sì, ma dove?)’ organizzata da Regione Lombardia e Ufficio Scolastico Regionale è stata vinta dall’ISISS ‘Don Lorenzo Milani’ di Tradate (VA) con il progetto video ‘Asfissia’ realizzato dai ragazzi della 5B e della 5C ‘Grafica e Comunicazione’.

Il filmato, ispirato a una storia vera, racconta con linguaggio cinematografico la vicenda di una ragazza vittima di ‘revenge porn’. La capacità di chiedere aiuto e di raccontare quanto le stava accadendo sarà determinante nel permetterle di uscire da un vero e proprio incubo.

A premiare i vincitori a Palazzo Pirelli, l’assessore regionale alla Sicurezza, Romano Lo Russa. All’evento hanno preso parte le 28 scuole partecipanti all’Hackathon 2023 con 52 progetti.

Secondo premio a ‘Spazio Sicuro’, sito web realizzato dagli studenti della 5D dell’Istituto ‘Righi Falcone’ di Corsico (MI). Il sito raccoglie tutte le informazioni utili sul fenomeno del cyberbullismo, comprese alcune video-testimonianze di ragazzi che ne sono stati vittima. È inoltre presente una sezione in cui è possibile trovare i numeri utili ai quali rivolgersi e un servizio chatbot di supporto automatico disponibile 24/7 per offrire assistenza immediata.

Terzo premio al racconto ‘Conosciamoci’ di Rebecca Sala, studentessa della 2C dell’Istituto ‘Margherita Hack’ di Assago (MI). Protagonista del racconto un tredicenne vittima di cyberbullismo per la sua balbuzie. Il ragazzo riuscirà a spezzare il circolo vizioso dei soprusi via chat scoprendo che la ‘bulla’ era in realtà una compagna di classe che era stata vittima, a sua volta, di atti di bullismo. L’amicizia e il perdono saranno la chiave di tutto.

“Iniziative come questa – ha detto Romano La Russa – servono a rompere il muro di silenzio che fa forti i bulli e ad aumentare la consapevolezza verso un fenomeno da combattere. Fake news, insulti e parole d’odio sui social, diffusione di fotografie personali sono tutte forme di violenza da combattere. I vostri lavori sono la dimostrazione di come l’impegno, la passione e lo studio siano i migliori antidoti ad ogni forma di bullismo”.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -