15.8 C
Milano
giovedì, Maggio 23, 2024

Proverbio: Aprile fa il fiore e maggio si ha il colore

GEOSCIENZE. A LECCO IL PRIMO FESTIVAL ITALIANO IN OCCASIONE DEI 200 ANNI DALLA NASCITA DI ANTONIO STOPPANI

ASSESSORI ALL’AMBIENTE E AI SISTEMI VERDI: RIGORE SCIENTIFICO FONDAMENTALE NELLA LOTTA AL CAMBIAMENTO CLIMATICO

DAL 3 AL 12 MAGGIO CONVEGNI E TALK DIVULGATIVI CON ESPERTI

(Mi-lorenteggio.com) Milano, 22 aprile 2024 – Far conoscere al grande pubblico le scienze della terra attraverso una serie di appuntamenti, di taglio divulgativo, che vedono come protagonisti studiosi ed esperti del settore. È questo l’obiettivo di GeoCult, il primo festival italiano delle geoscienze, in programma a Lecco, dal 3 al 12 maggio 2024 in piazzale Cassin, nell’area ex ‘Piccola Velocità’.

L’iniziativa, lanciata in occasione dei 200 anni dalla nascita del celebre scienziato lecchese Antonio Stoppani, è stata presentata oggi a Palazzo Pirelli alla presenza, tra gli altri, degli assessori regionali all’Ambiente e Clima e al Territorio e Sistemi Verdi.

METTERE AL CENTRO LA SCIENZA – “L’intelligenza e l’originalità di questo nuovo festival – ha sottolineato l’assessore all’Ambiente e Clima di Regione Lombardia – consiste nel fatto che mette al centro la scienza. È infatti fondamentale far comprendere ai cittadini l’importanza di un approccio scientifico e rigoroso ai temi legati all’ambiente, perché le loro scelte quotidiane influiscono sul futuro del territorio. Promuovere la conoscenza su questi temi significa infatti creare maggiore consapevolezza e di conseguenza favorire comportamenti virtuosi”.

PROMUOVERE CONOSCENZA SCIENTIFICA TRA I CITTADINI – “Il festival è un’iniziativa innovativa che – ha spiegato l’assessore regionale al Territorio e Sistemi Verdi – affronta temi importantissimi non rivolgendosi solo agli addetti ai lavori, ma a un ampio pubblico, attraverso un ricco e variegato programma di iniziative interattive. In questo modo si diffonde conoscenza tra i cittadini su questi argomenti di cruciale importanza”.

“Sui temi del dissesto idrogeologico, e in generale sui temi ambientali – ha aggiunto l’assessore – la sfida è abbinare in modo sinergico ed efficace le competenze degli scienziati e la ricerca tecnologica. Solo così si possono approcciare in modo efficace questi temi”.

L’IMPORTANZA DELLA DIVULGAZIONE SCIENTIFICA – All’appuntamento hanno partecipato anche il sindaco e l’assessore all’attrattività territoriale del Comune di Lecco e il consigliere regionale e presidente della Commissione speciale ‘Valorizzazione e tutele dei territori montani’, che ha evidenziato come “per ottenere un cambio radicale nell’approccio alla lotta al cambiamento climatico sia fondamentale muoversi su una base scientifica” e come, in quest’ottica, iniziative mirate a divulgare la scienza siano fondamentali.

UN RICCO PROGRAMMA DI EVENTI – Nei giorni del festival la città ospiterà un ricco programma di convegni, talk scientifici, laboratori e attività di intrattenimento durante i quali verranno approfondite tematiche legate alla geologia, alla speleologia, alla paleontologia, favorendo allo stesso tempo una riflessione sull’importanza della prevenzione del rischio grazie alle esperienze di chi opera ogni giorno in contesti di emergenza. Tra le iniziative proposte anche la mostra immersiva ‘Il Bel Pianeta’.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -