18.8 C
Milano
martedì, Giugno 25, 2024

Proverbio: Giugno ciliegie a pugno

Array

Il comune di Milano riduce l’ICI oltre a non aver mai introdotto l’addizionale Irpef

Il Sindaco, Letizia Moratti, e il Vice sindaco, Riccardo De Corato, hanno presentato  nella sala Giunta di Palazzo Marino il bilancio preventivo del 2007.

Il Sindaco ha spiegato che l’impegno del Comune per l’efficienza ha consentito un risultato molto positivo. “Abbiamo risparmiato – ha detto Letizia Moratti – 127,5 milioni di euro, che si traducono in un risparmio medio per le famiglie milanesi di 188 euro.” Questo risparmio permetterà di effettuare una manovra in riduzione dell’ICI e l’erogazione di nuovi servizi. Per quanto riguarda l’ICI sulla prima casa, l’aliquota viene ridotta da 5 per mille a 4,7 per mille; è inoltre previsto di introdurre una agevolazione per le famiglie meno abbienti portando il limite del reddito da 10.850 a 17.000 €/anno, introducendo i parametri ISEE che porterà all’azzeramento dell’Ici da noi deciso, che riguarda circa 100mila famiglie. Milano inoltre è l’unico grande Comune a non aver introdotto l’Irpef, che negli altri Comuni varia tra lo 0,2 e lo 0,8%, il che equivale a un risparmio per le famiglie tra i 57 e i 230 euro.

Tutto questo è stato realizzato nonostante il taglio di 47,5 milioni di euro imposto dal Governo a Milano.

Gli strumenti che hanno reso possibile questo risparmio sono stati da un lato, la riorganizzazione della macchina amministrativa, dall’altro, le nuove strategie finanziarie del Comune.

“Vorrei sottolineare – ha continuato il Sindaco – l’incidenza di maggiori entrate dovute a nuove politiche di recupero crediti, che hanno portato nelle casse comunali 14 miliardi di euro e, inoltre, dovute a minori spese. Nel 2007 risparmieremo il 10% delle spese amministrative, ad esempio recuperando i costi per la pulizie dei palazzi comunali, diminuendo di 150 unità il numero delle auto comunali e risparmiando sulle bollette telefoniche e sulla luce.”

Ecco alcuni dei servizi in più rispetto al 2006, introdotti grazie al risparmio del Comune

· bonus bebè per 1,5 milioni di euro
· erogazione gratuita a 10.000 famiglie dei libri di testo agli alunni delle scuole dell’obbligo
· nuovi posti negli asili nido, nei nidi aziendali e interaziendali per 2,5 milioni di euro
· 100 portieri in più per le case popolari pari a un investimento di 3,5 milioni di euro
· incremento di 3,5 milioni di euro per l’inserimento dei disabili
· migliori attività per i minori in condizioni di disagio (affido familiare, servizi di sostegno) per 3,5 milioni di euro
· fondo di sostegno per l’acquisto della prima casa per famiglie numerose per 1 milione di euro
· promozione delle residenze universitarie per 1 milione di euro
· fondo per famiglie in condizioni disagiate per 1 milione di euro
· interventi di social housing per 20 milioni di euro
· piani di edilizia residenziale pubblica per 135 milioni di euro.
· creazione di una rete di servizi di oltre 600 sportelli per occupazione e orientamento
· manifestazioni e iniziative varie a favore dei giovani per 1,5 milioni di euro
· ristrutturazione della Civica Arena e del Velodromo Vigorelli
· riapertura degli spazi espositivi (Palazzo Reale, Biblioteca Archeologica, Museo del Novecento)
· ristrutturazione del Planetario
· ritorno alla gratuità dei musei, recuperando personale che verrà destinato alle biblioteche civiche per l’apertura nei giorni di sabato e domenica
· pulizia anti-graffiti: 15.000 stabili nel 2007, che si aggiungono ai 6.000 del 2006
· piano per la mobilità ciclistica con l’incremento di piste ciclabili e piano per lo sviluppo delle aree pedonali

“Il percorso sul bilancio – ha concluso il Sindaco – è un modello nuovo rispetto a quello degli anni precedenti; abbiamo lavorato con gli assessori, con i consiglieri di maggioranza e i capigruppo, con i presidenti dei Consigli di Zona. È stato un percorso condiviso, un lavoro preventivo molto approfondito e mirato ad accogliere le differenti istanze. L’approvazione in Giunta è stata molto rapida, segno della nostra attenzione e di un metodo efficace.”

“Di fronte a una politica di governo che strozza imprese e cittadini con una politica fiscale sempre più vessatoria, il modello Milano risponde con meno tasse e più servizi – ha aggiunto il Vice sindaco Riccardo De Corato – Essere riusciti ad aumentare la spesa corrente per il 2007 di 79 milioni, diminuendo l’Ici per tutti e non introducendo l’addizionale Irpef ha del miracoloso. Nessuna grande città è riuscita a far quadrare i conti come ha fatto questa Giunta. Il risultato è che i milanesi si troveranno ad avere più denaro per far fronte alle proprie spese. E godranno di maggiori servizi per l’aumento dei fondi stanziati per la casa, i servizi sociali, le periferie, la cultura”

Redazione + agenzie

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -