19.6 C
Milano
mercoledì, Maggio 18, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

Nasce Cal, società mista Anas/Regione Lombardia

Ultimo aggiornamento il 21 Febbraio 2007 – 15:11

Concessioni Autostradali Lombarde spa (CAL): è stata costituita ed è immediatamente operativa la nuova società composta al 50% da Anas e al 50% da Infrastrutture Lombarde Spa, con il compito di governare e accelerare la realizzazione delle tre grandi opere strategiche per la viabilità stradale in Lombardia: Pedemontana (firmato l’Accordo di Programma), direttissima Milano-Brescia -Brebemi – (messa punto la nuova convenzione che sarà firmata il 13 marzo) e Tangenziale est esterna di Milano – Tem.
La firma degli atti è avvenuta il 19 febbraio in Regione dopo una mattinata di lavoro coordinata dal presidente Roberto Formigoni, con l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità Raffaele Cattaneo e la partecipazione del ministro Antonio Di Pietro e dei rappresentanti di tutti i soggetti interessati, nella quale è anche stata messa a punto la nuova convenzione per la Brebemi e sottoscritto l’Accordo di Programma per la Pedemontana.

"Una data impostante – ha commentato Formigoni – perché con la CAL abbiamo a disposizione uno strumento ottimale in grado di farci risparmiare tempi e costi per la realizzazione delle tre grandi opere. E’ la concretizzazione di un federalismo responsabile e collaborativo tra Stato e Regione, in cui alla Regione sono riconosciuti maggiori poteri".
E di questo Formigoni ha dato merito al ministro Di Pietro che "con la grande disponibilità e la eccezionale quantità di tempo messa a disposizione, ha mostrato nei fatti la concreta volontà di una vera collaborazione istituzionale".

"Per la Pedemontana – ha sottolineato Cattaneo – abbiamo compiuto lo scollinamento: superati tutti i maggiori ostacoli, puntiamo decisamente alla realizzazione". Perché non sono scontati "né il fatto che 14 soggetti diversi abbiano piegato interessi particolari a quello generale, né che in pochi mesi tutti gli impegni conclamati sono stati rispettati".
In questi cinque mesi ben 12 riunioni della segreteria tecnica e 6 del comitato hanno portato alla firma di oggi di un accordo di 28 articoli e tre allegati.
Il primo fissa 384 "prescrizioni": "Una formidabile garanzia per i territori", ha detto Cattaneo. Il secondo regola il funzionamento dei Tavoli territoriali d’ambito e dei Tavoli tematici (cioè di tutte le questioni connesse). Il terzo è il cronoprogramma: inizio lavori fra 61 mesi, ma "l’impegno, grazie anche a CAL e alla nuova legge regionale allo studio – ha affermato Cattaneo – è di aprire i cantieri fra 36 mesi, tra la fine del 2009 e l’inizio del 2010".

Una scadenza cui sia Di Pietro che Formigoni puntano decisamente. "Vogliamo posare la prima pietra insieme", hanno in sostanza detto entrambi.
"E’ in campo la politica del fare – ha rimarcato il ministro – realizzata dalla ‘coalizione del fare’. Il fatto nuovo è il federalismo responsabile. L’appello che faccio a enti locali e cittadini è di non ascoltare le sirene dei contestatori di professione".

Redazione + Agenzie

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,552FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -