17.7 C
Milano
venerdì, Ottobre 7, 2022

Proverbio:Ottobre, il vino è nelle doghe A S. Francesco (4 ottobre) arriva il tordo e il fresco

Array

Un supertubo fognario da 4 milioni e mezzo di euro per il sud-ovest

Cesano Boscone (9 marzo 2007) – Il collettore fognario è un’opera attesa da molti anni. Soprattutto dai cittadini del quartiere Tessera, dove vivono circa cinquemila persone.
Il 19 marzo verranno consegnati all’impresa i lavori – che prenderanno il via a fine mese e saranno portati a compimento in circa un anno – per la realizzazione del condotto che consentirà di collegare Cesano Boscone, attraverso Corsico, al depuratore di Assago.

L’opera

I lavori prevedono la posa di un collettore di circa 10.000 metri cubi di portata, un supertubo di 2,5 km che passerà sotto il controviale della nuova Vigevanese: raccoglierà le acque meteoriche del Tessera – evitando che quando piove intensamente si allaghino cantine e box – e le scaricherà nel collettore consortile già esistente a Corsico, vicino al parco Giorgella. Il progetto, inoltre, risanerà alcuni tratti fognari di Cesano Boscone, permettendo di eliminare l’attuale scarico di acque reflue nel fontanile Ajanna e nella roggia Carlina del quartiere Tessera, consentendo il recupero dei corsi d’acqua alle loro funzioni naturali. Infine, verrà dismesso l’impianto di depurazione “Guardia di Sopra” di via Vittorini a Corsico e si costruirà un nuovo condotto di fognatura in ghisa che, passando sotto il Naviglio Grande e costeggiando la vecchia Vigevanese, si immetterà nella fognatura comunale collegata più a valle con il depuratore di Assago.
“L’intervento – sottolinea il Sindaco di Cesano, Vincenzo D’Avanzo – ci consentirà di recuperare i nostri fontanili, per i quali abbiamo avviato un progetto più ampio di riqualificazione su tutto il territorio. Inoltre, in concomitanza con i lavori che interesseranno la nuova Vigevanese abbiamo l’intenzione di sperimentare l’estensione della ZTL (zona a traffico limitato) al controviale che si affaccia sul Tessera, risolvendo un problema storico di inquinamento per il quartiere e per tutta la città”.
Esprime soddisfazione per l’avvio dei lavori anche l’assessora provinciale all’Ambiente Bruna Brembilla: “È un progetto che conosco bene, perché l’ho seguito prima come sindaca e poi come assessora provinciale e presidente dell’Ato (Ambito territoriale ottimale), dando impulso all’attivazione dell’intervento che rientra perfettamente nello spirito del piano d’ambito approvato dalla Provincia ed è in linea con le strategie dell’Ato, che si realizza attraverso una serie di investimenti per 44 milioni totali, di cui quella di Cesano è una decima parte, sicuramente di grande importanza”.
I lavori interesseranno anche il territorio di Corsico, dove verrà tolto il depuratore. “Accogliamo con soddisfazione l’intervento del Tasm – dice il Sindaco, Sergio Graffeo – e chiediamo ai cittadini di avere un po’ di pazienza perché i lavori riguarderanno tratti significativi di strade. L’opera è però di grande importanza per tutto il sud ovest milanese”.
“L’opera – dice il presidente della Tasm, Tiziano Butturini – rientra in un piano più ampio, che vede la nostra società impegnata anche nell’acquisizione delle reti fognarie. Il collettore risolverà un problema strutturale migliorando sensibilmente l’efficacia della rete”.
I costi
Gli interventi costeranno 4.550.000 euro: verranno finanziati per il 90% dall’Ato della Provincia di Milano e per il restante 10% dalla Tasm.

Redazione + agenzie

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,569FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -