22.8 C
Milano
mercoledì, Maggio 25, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

Il rinnovato impianto di depurazione di Lacchiarella, verrà inaugurato domenica 17

Ultimo aggiornamento il 10 Giugno 2007 – 18:20

10 giugno 2007 – Domenica 17 giugno alle ore 11 verrà inaugurato ufficialmente il rinnovato impianto di depurazione di Lacchiarella, oggetto di un consistente ampliamento e riammodernamento delle strutture realizzate nel lontano 1984.
Si tratta del raddoppio della potenzialità dell’impianto esistente e dell’adeguamento alle nuove normative europee in fatto di rispetto dei limiti di scarico, sancite con il D.Lgs 152/06; l’impianto infatti può trattare oggi più di 8.000 metri cubi al giorno di liquame, corrispondente ad una popolazione equivalente di 26.000 unità, comprendendo residenti e attività produttive.

Lo schema di trattamento prevede fasi di pompaggio dei liquami, grigliatura fine, dissabbiatura, disoleatura, rimozione dell’azoto, ossidazione biologica, sedimentazione finale, filtrazione e disinfezione. I fanghi estratti dal processo vengono stabilizzati aerobicamente e disidratati a mezzo di una filtropressa a nastro.

Rispetto all’impianto esistente è stata aggiunta la fase di grigliatura fine, quella di nitrificazione/denitrificazione per la rimozione dell’azoto e soprattutto la filtrazione con filtri meccanici. Questi trattamenti migliorano notevolmente le prestazioni dell’impianto che scarica nel Ticinello. Inoltre è stata ricostruita la sezione di disinfezione, ed è stato previsto di stabilizzare i fanghi di risulta in modo aerobico.

L’impianto stato realizzato in un edificio chiuso e previsto di deodorizzazione per lo stoccaggio delle sostanze grigliate, e i fabbricati sono stati realizzati con materiali fonoassorbenti e isolanti.
Per migliorare la gestione dell’impianto si sono utilizzati materiali e macchinari di elevata qualità, con largo uso di acciaio inossidabile e macchine a controllo elettronico.
Accanto ai lavori di ampliamento è stata eseguita una vera e propria operazione di lifting sulle strutture del vecchio impianto con la risistemazione e riverniciatura delle opere civili e delle carpenterie che si presentano oggi al livello di quelle nuove.

I lavori sono stati progettati e diretti dall’ing Andrea Bolognesi, sono stati realizzati dall’impresa ITECO srl di Lavis (TN) con un costo complessivo di circa due milioni e 400 mila euro, per la maggior parte stanziati da Tasm, con un contributo dell’ATO Provincia di Milano di circa il 30 per cento.

“Il rinnovamento degli impianti è motivato dal desiderio di migliorare la qualità delle acque immesse nei corsi d’acqua che percorrono il territorio” sottolinea il Presidente di TASM Tiziano Butturini.

Per far meglio conoscere la propria realtà aziendale, Tasm organizza visite guidate per le scuole e le istituzioni sia sull’impianto di Lacchiarella sia sugli altri impianti aziendali.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,551FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -