22.8 C
Milano
mercoledì, Maggio 25, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

L’Agenzia per la formazione, l’Orientamento e il Lavoro SUD-MILANO

Ultimo aggiornamento il 19 Luglio 2007 – 18:54

Ringrazio la dott.ssa Maria Grazia Pinoschi e l’Assessore Ezio Casati della Provincia di Milano per la loro disponibilità e la presenza di questa sera in Consiglio Comunale.
Nella seduta delle due Commissione congiunte, Sociale e Istituzionale del 16 Maggio e del 20 Giugno, i Commissari hanno partecipato con grande interesse e soddisfazione, portando il loro contributo riguardo all’Agenzia per la formazione, l’orientamento e lavoro Sud-Milano.
La dott.ssa Maria Grazia Pinoschi, ci ha illustrato in tutti i suoi dettagli, il percorso e i contenuti del progetto con semplicità e professionalità. Il Consiglio Provinciale con Delibera del 4 maggio 2006, ha approvato le linee strategiche per la gestione dei servizi al lavoro ed alla formazione. La Delibera è stata approvata dopo un percorso che ha coinvolto tutte le Amministrazioni comunali del territorio provinciale, nonché le parti Sociali chiamate a dare il proprio contributo alla definizione di un disegno organico e sostenibile in grado di assicurare un forte rilancio del servizio pubblico sulle tematiche del mercato del lavoro e della formazione professionale. Questa sera il Consiglio Comunale dovrà esprimersi per l’approvazione dello Statuto e della Convenzione dell’Agenzia.
L’atto è stato sottoscritto da 25 Comuni, mancano, compreso Cesano, solo tre Comuni all’appello, gli altri hanno già votato la delibera. Anche Buccinasco che precedentemente non voleva aderire, ora, con la nuova Giunta chiede di entrarvi. Con l’Agenzia è previsto la riaggregazione dei servizi che riguardano l’occupazione, la formazione e lo sviluppo, soprattutto l’innovazione che andrà tenuto in gran considerazione nella programmazione delle attività dell’Agenzia; La struttura parte da quello che già esiste e anche la “parte economica” è quella che sia i Comuni sia la Provincia, hanno già stanziato. A questo proposito si è proposto un gruppo di lavoro costituito da Sindaci e tecnici da cui è uscita una proposta sottoposta all’Assemblea dei Sindaci. In quella sede sono state apportate diverse modifiche il risultato, è il frutto di mediazione; 25 Sindaci che accettano il programma e decidono che non sarà più modificabile.Voglio precisare che questo progetto tiene conto la difesa dei posti di lavoro e le professionalità dei dipendenti
L’Agenzia ha un grosso impegno sulla formazione professionale anche sul rapporto diritto/dovere – istruzione/formazione.
La forma scelta e (l’Azienda speciale) prevede che i Comuni affidino all’Agenzia le competenze inerenti il lavoro, la formazione, ecc. La finalità è la gestione unitaria del servizio è favorire lo scambio tra offerta e ricerca; a tale proposito si segnala la carenza enorme presente da questo punto di vista, negli Uffici Comunali dove, dopo aver inserito il curriculum nel date base, non si riesce ad avere un riscontro successivo sull’evoluzione della segnalazione. Oltre a non avere alcun rapporto con le aziende del territorio. Altro obiettivo è la promozione di servizi innovativi articolati sulla base dell’esperienza maturata da altri territori. Altri servizi che dovrà svolgere l’Azienda sono:
o Uffici integrati da servizi di tipo amministrativo relativo il rilascio dei certificati
o Attivazione di politiche che puntino alla prevenzione
o Incontro tra la domanda e l’offerta in rapporto con le imprese
o Servizio di formazione professionale /educativa permanente
o Servizio per l’inserimento lavorativo di soggetti deboli
o La gestione di programmi trasnazionali
o La gestione di Servizi quali ad es. quelli del PDZ
Il piano economico finanziario si regge sulle risorse economiche impegnate gli altri anni, oltre a risorse provenienti dai comuni. (Già i comuni spendevano circa € 20.000,00 , il CSIOL al nostro comune costa circa € 13.000,00).
C’è un tentativo di ricondurre questo settore al Pubblico, il privato non ha capacità di fare formazione, inoltre il compito del pubblico è l’attivazione di iniziative a favore delle fasce più deboli.
Il progetto è finanziato con i fondi della Provincia (€ 0,5 per abitante e € 1,00 da parte dei comuni). Le proposte fatte nelle due Commissioni congiunte, non stravolgono la delibera, i Commissari chiedono di allegare alla Delibera del Consiglio Comunalei seguenti suggerimenti:
· Di portare in Consiglio Comunale la relazione annuale dell’attività svolta dall’Agenzia per verificare la ricaduta sul territorio comunale.
· Il Consiglio d’Amministrazione, sia composto da persone qualificate e rappresentative di tutti i comuni, compresi i comuni più piccoli.
· Siano coinvolti i referenti dell’Orientamento e del Riorientamento delle scuole medie primarie e secondarie del Territorio.
· Aprire uno sportello anche a Cesano Boscone.
· Si tenga conto, quando si propone al cittadino la mobilità che sia comoda logisticamente.
Ad esempio se si potesse riuscire a tenere conto maggiormente, quando si offre un lavoro, ad una persona , in mobilità, dove questa persona vive…..potrebbe essere un aiuto.
L’Agenzia non è soggetta al patto di stabilità, va vista come un’opportunità, come un servizio pubblico che deve interloquire costantemente con gli altri.
Chiedo al sindaco di impegnarsi affinché anche Cesano Boscone sia dotato di uno sportello.

Grazie per l’attenzione il Gruppo della Margherita esprime voto favorevole.

Il Capogruppo
Salvatore Ariemma

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,551FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -