11 C
Milano
giovedì, Aprile 18, 2024

Proverbio: D'aprile non ti scoprire.

Array

Il sindaco a scuola con la Costituzione

Buccinasco (13 novembre 2007) – Il sindaco Loris Cereda è tornato a… scuola. È accaduto ieri: ha voluto consegnare personalmente ad ogni alunno delle terze medie cittadine una copia della Costituzione.
“È un gesto simbolico -spiega l’amministratore- che però sottintende, e riconosce, la crescita dei ragazzi: stanno infatti diventando adulti, quindi cittadini responsabili”.
L’atto permette di avviare un nuovo progetto. “La Carta fondamentale -prosegue- venne votata dall’Assemblea costituente il 22 e promulgata il 27 dicembre 1947; entrò in vigore l’1 gennaio successivo, esattamente sessant’anni fa. Con l’Associazione nazionale partigiani d’Italia abbiamo promosso una serie di incontri e un concorso che coinvolgeranno le scuole per spiegare e riflettere, con parole adatte al giovane uditorio, di cosa si tratta e qual è la sua importanza”.
“L’iniziativa si innesta nella volontà di questa amministrazione di sviluppare lo spirito partecipativo delle giovani generazioni alle questioni della politica; l’obiettivo è aiutare l’emergere di una nuova classe politica che sia sempre più manifestazione dei cittadini e sempre meno «casta»”.
“Nel progetto si inseriscono ulteriori elementi: la partecipazione del Consiglio comunale dei ragazzi alla prossima seduta del Consiglio comunale degli adulti e l’attivazione sul sito dell’Ente di un reale spazio democratico con i «sondaggi junior»".

Il lavoro con l’Anpi rappresenta la prima esperienza di un percorso più ampio. Nel caso specifico, partendo dall’anniversario storico, si intende far scoprire ai partecipanti l’importanza e il valore della Costituzione, far comprendere loro il significato dei concetti di “libertà”, “uguaglianza”, “solidarietà”, “pace” e “rispetto”.
“La Costituzione, un bene comune”, questo è il titolo dell’esperienza, coinvolge i bambini di quinta elementare e i ragazzi delle medie di Buccinasco ma anche di Cesano Boscone, Corsico e Trezzano sul Naviglio. Si concluderà con una festa prevista il 18 aprile. In palio vi sono materiale didattico e buoni spesa.
“Quando sentiamo parlare di Costituzione -aggiungono dall’Anpi- pensiamo subito all’identità di una persona individuata dalla sua corporeità: la «costituzione» indica la struttura e l’insieme delle qualità di un corpo. Ma questa parola indica anche l’insieme delle leggi che regolano uno Stato e la mappa di valori, codificate in norme, che danno unità a un popolo. E come una buona costituzione fisica consente a un individuo di stare bene, così la buona Costituzione di uno Stato può consentire a tutti i cittadini di stare bene insieme”. “Attraverso i valori della nostra Carta costituzionale e nel continuo processo della costruzione di una società democratica, quindi nel rifiuto di ogni forma di integralismo e di fondamentalismo, intendiamo promuovere tra i più giovani cittadini del nostro territorio una cultura moderna indipendentemente dalla nazionalità, dal reddito, dall’appartenenza culturale, religiosa e di genere ma basata solo sui «beni comuni condivisi»”.
Gli studenti e le classi possono partecipare realizzando, individualmente o anche in gruppo, composizioni scritte (narrativa, saggistica, poesia) della lunghezza massima di quattro cartelle, frutto di elaborazioni e riflessione critica personale. Ammessi pure lavori grafici o multimediali.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -