22 C
Milano
venerdì, Luglio 1, 2022

Proverbio: Luglio poltrone porta la zucca col melone

Array

ONU, approvata risoluzione moratoria pena di morte

Ultimo aggiornamento il 18 Dicembre 2007 – 23:34

New York, 18 dicembre 2007 – L’Assemblea generale dell’Onu ha approvato oggi, 18 dicembre 2007, la risoluzione per la moratoria contro la pena di morte nel mondo con 104 voti a favore, 54 contro e 29 astenuti.

L’Italia ha confermato di essere in prima linea nel mondo in materia di tutela dei diritti umani. La lotta contro la pena di morte a livello internazionale è infatti uno dei temi prioritari delle politica estera, che vede impegnati Governo, Istituzioni, forze politico-parlamentari e organizzazioni non governative in una campagna convinta e tenace che ha ora prodotto un rilevante risultato.

Un ruolo fondamentale è stato svolto, altresì, dalla società civile italiana, che ha ispirato e sostenuto questa campagna, contribuendo a mantenere elevata, in questi mesi, l’attenzione internazionale sulla questione della pena di morte e di una moratoria universale delle esecuzioni.

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, appreso il risultato della votazione all’ONU sulla risoluzione per la moratoria sulla pena di morte, ha rilasciato la seguente dichiarazione :"Desidero esprimere la mia profonda soddisfazione per l’approvazione, da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, della Risoluzione per la moratoria della pena capitale nel mondo. Quello di oggi è uno storico segnale che l’rgano più rappresentativo, per la sua universalità , delle Nazioni Unite lancia alla Comunità Internazionale, richiedendo agli Stati di sospendere le esecuzioni capitali nella prospettiva dell’abolizione della pena di morte. La risoluzione, fortemente promossa dall’ Italia e sostenuta dall’Unione Europea, è stata presentata nell’ambito di una intesa a cui hanno aderito paesi di tutti i continenti. L’Unione Europea è riuscita così a coinvolgere un ampio gruppo di paesi, a testimonianza del vasto sostegno ai principi di valore universale che sono alla base dell’iniziativa. In questa difficile campagna il nostro Paese ha avuto un ruolo centrale. Per l’Italia la lotta contro la pena di morte è uno dei temi prioritari nel campo dei diritti umani. Il successo di questa fondamentale azione èdovuto all’impegno del Parlamento, del Governo, del Ministro degli Affari Esteri, della Rappresentanza d’Italia presso le Nazioni Unite nonchè della società civile italiana, che l’ha sostenuta in tutte le sue tappe. A tutti rivolgo il mio più vivo apprezzamento".

L’Assemblea di Strasburgo ha inoltre annunciato la partecipazione alla Campagna mondiale conto la pena di morte, invitando tutte le istituzioni dell’UE ed il Consiglio d’Europa a proclamare, a partire dal 2007, il 10 ottobre quale “Giornata europea contro la pena di morte”.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,550FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -