22.1 C
Milano
venerdì, Luglio 1, 2022

Proverbio: Luglio poltrone porta la zucca col melone

Array

SI, AL NUOVO MUNICIPIO

Ultimo aggiornamento il 20 Dicembre 2007 – 20:18

Pubblichiamo il testo integrale dell’intervento in merito al Si al Nuovo Municipio:

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO

AL SINDACO

Ordine del Giorno: SI , AL NUOVO MUNICIPIO

Premessa

Riteniamo indispensabile rispondere ai numerosi cittadini che hanno firmato una “Petizione Popolare” per sospendere la progettazione e la conseguente costruzione del Nuovo Municipio previsto nel nostro Programma Elettorale.
Per questo motivo è necessario ripercorrere brevemente le motivazioni che ci hanno indotto a confermare questa opera nel programma del mandato del Sindaco che la maggioranza dei cittadini ha approvato e sottoscritto con il proprio voto .
La storia di un nuovo edificio comunale muove i primi passi nel 1996 ma assume consistenza nel 2000, quando il Consiglio Comunale approvava, con voto unanime Alleanza Nazionale e Rifondazione Comunista compresi, il Piano di Recupero Urbano di Iniziativa Pubblica, cosiddetto (PRUIP) che, fra l’altro, ha come obiettivo principale la costruzione di un progetto unitario che esalti il compito urbano del nostro Centro Storico; per questo motivo inserisce nuove funzioni atte a rendere il comparto parte integrante della città nel suo insieme e del centro storico in particolare . Ricordiamo la recente riqualificazione della P.zza San Giovanni Battista che ha già contribuito a conferire quel valore aggiunto necessario a rigenerare il centro storico nel suo complesso.
Il nuovo impianto dunque suggerisce soluzioni che comprendono anche la sede della municipalità con la realizzazione di un’area a verde centrale ed un nuovo parcheggio .
La scelta della localizzazione dell’intervento supera così la semplice rilevanza dell’opera edilizia ma si arricchisce di elementi che completeranno un sistema ed un insieme di funzioni con lo scopo di promuovere non solo occasioni di conoscenza ma strutture fisiche e culturali che stabilmente operino in questa direzione .
Abbiamo pensato così ad una Cesano del 2010 dove un Nuovo Edificio Pubblico potesse assumere un ruolo istituzionale fondamentale per lo sviluppo locale.
Non dimentichiamo che “il mantenimento e il miglioramento dei servizi erogati oggi e la realizzazione di nuovi,a fronte dei bisogni riscontrati,è sempre stato il primo punto dell’azione di questo governo e su questa linea si vuole proseguire attraverso la realizzazione del nostro programma elettorale
Ci sembra opportuno anche esprimere alcune considerazioni nel merito della Petizione presentata dai cittadini che hanno costituito il Comitato per il No al nuovo municipio.
Analizziamo le giustificazioni singolarmente :
1) “non c’è bisogno di un nuovo palazzo ……perché gli spazi attuali sono più che sufficienti”
Per tale affermazione ricordiamo ai nostri cittadini che il mantenimento dei servizi erogati oggi e la realizzazione di nuovi a fronte dei bisogni riscontrati oltre all’esigenza di reperire la sede per la collocazione di associazioni socialmente utili (ad esempio la protezione civile ) o per l’apertura di sportelli che saranno presto decentrati presso i singoli Comuni ( ad esempio il Centro Lavoro, il Punto energia o il catasto ) ci vedranno impegnati a reperire spazi la cui mancanza comporterebbe l’esclusione del nostro Comune da buona parte di questi servizi indispensabili per i nostri cittadini ; inoltre cresce sempre più la necessita di migliorare la funzionalità degli spazi disponibili che spesso oggi non permettono al cittadino di dialogare con l’operatore /amministratore pubblico con quella serenità necessaria ad affrontare argomenti delicati e riservati .

2) “ la spesa prevista …………… è elevatissima e costringerebbe ad un nuovo onerosissimo indebitamento….”

Per tale affermazione , vorremmo tranquillizzare i nostri cittadini , in quanto la situazione economica , grazie anche a delle maggiori entrate dovute al successo di alcune scelte politiche, è migliorata rispetto alle previsioni , per cui non ci saranno indebitamenti imprevisti ; inoltre il costo, fra l’altro puramente indicativo ,di € 4.700.000,00 si riferisce all’intervento complessivo che comprende la sistemazione dell’area esterna ( gran parte a verde) per 1.600.000,00 euro , la costruzione dei parcheggi ( dentro e fuori terra ) per 1.400.000,00 euro e il Nuovo edificio Pubblico per 1.700.000,00 euro. Sicuramente , poi lo studio definitivo del progetto dovrà migliorare le funzioni ed ottimizzare i costi oltre che presentare ai nostri cittadini un’opera di eccellenza architettonica quale dovrebbe sempre essere un edificio pubblico.
Pertanto se si danno delle informazioni ai cittadini queste debbono essere complete .
Vorremmo cogliere anche l’occasione per informare tutti i cittadini che il nuovo intervento sarà oggetto di un concorso internazionale di idee per cui la nuova costruzione verrà progettata e realizzata in modo da ottenere le condizioni di massima efficienza energetica, qualità e sostenibilità ambientale sia a livello costruttivo sia di fruizione e gestione , senza così gravare sui cittadini , il cosiddetto “ impatto zero”.

3) il nostro territorio è già fortemente urbanizzato ,……, non è il caso di consumare i pochi spazi liberi con una nuova costruzione.

Anche in questo caso il messaggio non è completo ,in quanto la costruzione occuperà comunque una superficie modesta, meno di un decimo della superficie dell’ambito dell’intervento di riqualificazione. Inoltre poiché l’area è stata appositamente individuata quale area di interesse pubblico , pensare oggi ad una destinazione alternativa vuol dire che mantenendone la funzione pubblica . ad esempio solo un bel parco magari attrezzato e con tanto di parcheggio, si andrebbe inevitabilmente , tenuto conto della sua localizzazione , a perdere una occasione per la costruzione di un organismo di spazi e strutture che servano da punto di riferimento per tutti i cittadini e non solo per quelli presenti nella zona.

Per questi motivi siamo certi della validità della scelta operata e auspichiamo che la coerenza e l’impegno che ci ha visti uniti fino ad oggi saranno ancora garanzie di condivisione e aggregazione fra tutti i Consiglieri di maggioranza e con quanti altri vogliono aderire a questo Progetto.

Consiglio Comunale 19/12/07

Il Capo gruppo del Partito democratico Peraudo Giuseppina

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,550FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -