26.6 C
Milano
giovedì, Luglio 7, 2022

Proverbio: Luglio poltrone porta la zucca col melone

Array

ALLEANZA NAZIONALE CONFERMA LA PROPRIA CONTRARIETA’ AD UN NUOVO MUNICIPIO PER CESANO

Ultimo aggiornamento il 20 Dicembre 2007 – 20:21

Con la sceneggiata verificatesi in aula abbiamo avuto questa sera l’ennesima prova dell’arroganza di questa maggioranza.

Questa sera la democrazia è stata mortificata dal Consiglio Comunale.

La decisione presa dai capigruppo di non discutere l’odg del Nuovo Municipio, vista l’ora tarda e l’interesse che suscita nei cittadini è stata disattesa dalla maggioranza.

Per Alleanza Nazionale l’argomento del Nuovo Municipio è di notevole rilievo politico, tanto che siamo stati il primo partito, fin dal 1999, a schierarci apertamente contro la sua realizzazione e lo sperpero di denaro pubblico.
Siamo stati i primi a portare il dibattito in Consiglio Comunale con la presentazione di un odg.
Siamo stati i primi a fare una campagna di sensibilizzazione sul tema e siamo stati i primi a raccogliere le firme dei cittadini contro il Nuovo Municipio.

Questa serata ci riempie inoltre di soddisfazione perché questo argomento, portato alla ribalta da Alleanza Nazionale è il più gettonato nelle discussioni tra i cittadini e tra le forze politiche di Cesano Boscone.

Alleanza Nazionale, non ha presentato in Comune le firme raccolte con FI e Lega Nord, perché vuole vedere dove arriva l’arroganza di questa Giunta che non ha recepito il segnale di rivolta dei cittadini contro una struttura che giudicano non necessaria ne utile per Cesano Boscone.

Alleanza Nazionale, il giorno dopo l’approvazione del bilancio di previsione, se questo continuerà a prevedere il Nuovo Municipio, riprenderà la raccolta delle firme che porterà avanti fino alle elezioni amministrative del 2009.

DUE SONO I MOTIVI PER CUI ALLEANZA NAZIONALE DICE NO AL NUOVO MUNICIPIO.

Il primo motivo é di carattere politico.

A Cesano Boscone, i servizi che dell’amministrazione comunale fornisce ai cittadini sono i più cari di tutti i comuni del Sud-Ovest.

In questi ultimi anni la spesa corrente è notevolmente aumentata ed è intorno al 52%.

Il debito pubblico del Comune è intorno ai 23 milioni di €.

Il debito pubblico di ogni cittadino da quello appena nato a quello più anziano è di circa 1000€.

La pressione fiscale è abbondante. Ogni cittadino di Cesano Boscone, infatti, è sottoposto dall’amministrazione comunale ad una tassazione annua di circa 800€.

Pressione fiscale, che purtroppo, è destinata ad aumentare nei prossimi anni in maniera esponenziale, se saranno realizzati i progetti della Società Patrimoniale, che costeranno ai cittadini di Cesano Boscone circa 10.500.000 €.

Durante l’approvazione del regolamento edilizio Alleanza Nazionale aveva proposto di incentivare coloro che intendessero avvalersi delle nuove tecnologie per l’utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili.

Ci è stato risposto che l’amministrazione non ha risorse economiche da destinare ai cittadini.

Alleanza Nazionale ritiene che sarebbe più utile incentivare i cittadini a realizzare energia alternativa piuttosto che costruire un inutile nuovo municipio.

Il Sindaco invece ritiene che il Comune può benissimo indebitarsi ancora per altri 9 milioni di €.

Sinceramente siamo preoccupati sia come cittadini sia come rappresentante di una forza politica per l’indebitamento dell’amministrazione comunale.

Anche perché alla fine sono soldi che i cittadini devono tirare fuori dalle loro tasche ed in un momento particolarmente negativo per l’economia del Paese, in cui tantissima gente fatica ad arrivare alla fine del mese.

Durante il governo Berlusconi questo era il ritornello ripetuto continuamente dalla sinistra, oggi con il governo Prodi le cose sono notevolmente peggiorate, la gente arriva appena alla terza settimana e tutto sembra andare bene.

Va tanto bene che possiamo permetterci di indebitarci per altri 9 milioni di € e costruire un Nuovo Municipio, soltanto per il gusto di avere una struttura istituzionale di rilievo.

Riteniamo eticamente sbagliato spendere dei soldi che potrebbero essere destinati ad abbassare i costi dei servizi, visto i tagli che i governi nazionali destinano agli enti locali.

Alleanza Nazionale ritiene che Cesano Boscone non abbia assolutamente bisogno di un Nuovo Palazzo Comunale, specialmente dopo la ristrutturazione della sede di Via Pogliani e di quella distaccata di Via Vespucci.

Fra l’altro, è stata presa dalla “Giunta”, la decisione condivisa da Alleanza Nazionale di realizzare in Via Kennedy una struttura per ospitare la scuola di musica dal costo di circa € 2.000.000.

La nuova struttura di Kennedy, libererà molti spazi in Via Vespucci che potranno essere adibiti ad uffici comunali.

E’, quindi, perfettamente inutile un Nuovo Municipio specialmente in un momento dove sempre più spesso si sente parlare di “costi della politica” e di “caste”.

Sono altre le risposte che la gente di Cesano si aspetta da chi la governa.

Il secondo motivo è di carattere tecnico.

Cesano Boscone è una realtà in cui le strutture dell’amministrazione sono presenti in quasi tutto il territorio comunale, e questo è apprezzato dai cittadini.

Il decentramento dei servizi che si é sviluppato nel corso di questi anni è un fattore positivo, che aiuta la viabilità, non esistendo dei collegamenti con i mezzi pubblici ed essendo endemico il problema dei parcheggi.

Riteniamo, infatti, sia da stolti realizzare nel centro storico un nuovo palazzo comunale, indipendentemente dalla necessità, perché comporterebbe notevoli disagi per i cittadini date le limitazioni al traffico e al parcheggio.

Riteniamo invece che nell’era dell’informatica gli spazi possono essere notevolmente ridotti, mentre bisogna investire sulle nuove tecnologie che possono aiutare a razionalizzare e sviluppare ulteriormente il fenomeno del decentramento e a ridurre i costi di gestione.

E’ auspicabile per il futuro immediato investire sul tele-lavoro, ed implementare la linea intranet per migliorare il lavoro dei dipendenti e offrire una qualità di servizi migliori ai cittadini.

Oggi Cesano Boscone dispone dei seguenti spazi istituzionali:

· 1.439 mq in via Pogliaqni;
· 2.747 mq in via Vespucci;
· 1.035 mq in Villa Marazzi;
· 2.499 mq in via Turati;
· 837 mq alla Palazzina Kennedy.

8.557 mq di superficie, a disposizione dell’amministrazione comunale per gestire una città di appena 4Kmq con 24.000 abitanti.

Alleanza Nazionale ritiene che gli spazi a disposizione dell’amministrazione siano sufficienti e che dopo la realizzazione della scuola di musica si disporrà di ulteriori spazi che ci consentiranno di ospitare anche qualche presidio intercomunale.

Ci riferiamo al Punto Energetico, al Consultorio, all’Agenzia per la Formazione, l’Orientamento e il Lavoro Sud Milano, al Piano di Zona.

Oggi, riteniamo inutile la realizzazione di un nuovo municipio, riteniamo invece necessaria una migliore razionalizzazione degli spazi a disposizione.

Queste dichiarazioni sono confortate dalle visite che periodicamente facciamo nei vari centri istituzionali dove incontriamo i funzionari, i dipendenti comunali, che mai hanno denunciato mancanza di spazi.

Cesano Boscone ha una estensione inferiore ai 4kmq e le aree libere sul territorio comunale sono notevolmente limitate, ci sembra pertanto inopportuna l’opera di erosione e di cementificazione del territorio togliendo ulteriormente il poco verde rimasto ai cittadini

Il centro storico, infatti, è stato ridotto ad un agglomerato di cemento e mattoni. Senza nessun rispetto per il verde. Non esiste, infatti, un fazzoletto di verde.

Alleanza Nazionale ritiene che oggi Cesano Boscone non ha bisogno di un nuovo municipio.

Cesano Boscone ha bisogno di parcheggi, di aree a verde, di strade e marciapiedi in ordine, di una illuminazione efficiente, di sicurezza, di servizi meno cari, di una viabilità normale, di meno inquinamento, di rilancio commerciale del Centro Storico, di asili comunali e soprattutto di case per i giovani.

I cittadini, in considerazione anche dei nuovi insediamenti nel Centro Storico, oltre alla richiesta di un parcheggio nel centro, sono interessati anche alla realizzazione di un parco pubblico dove portare i bambini e gli anziani.

Riteniamo che una soluzione mista (parcheggio + verde pubblico) potrebbe essere un’idea vincente, anche per il rilancio del Centro Storico.

Per ottenere questo basterebbe che l’amministrazione si dotasse finalmente del PGT e destinasse l’area a parcheggio e verde pubblico.

Ci viene posta come obiezione che l’area in questione deve essere riqualificata e valorizzata essendo stata ceduta dalla Sacra Famiglia in cambio degli oneri di urbanizzazione.

Noi riteniamo che valorizzare un’area non significa necessariamente costruire dei palazzi, un’area si può valorizzare semplicemente destinandola a verde pubblico e parcheggio rendendola così fruibile a tutti i cittadini.

In questi anni Alleanza Nazionale coerentemente si è battuta contro la realizzazione di un Nuovo Palazzo Comunale.

Se la Giunta dovesse persistere nel suo atteggiamento continueremo la nostra battaglia a fianco dei cittadini che avversano questa decisione perché riteniamo che i loro soldi vadano spesi con maggiore attenzione e meno superficialità e vadano utilizzati soprattutto per costruire strutture che realmente necessitano alla gente, alla bellezza e allo sviluppo della città.

Cesano Boscone 19-12-07 Santi Raimondo

Capogruppo di A.N.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,609FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -