10 C
Milano
sabato, Febbraio 24, 2024

Proverbio: Febbraio, febbraiello, cortino e bugiardello

Array

Consulta dei cittadini stranieri al voto sabato e domenica

Corsico (7 marzo 2008) – Conto alla rovescia per le elezioni dei membri della Consulta dei cittadini stranieri. Le urne saranno aperte sabato 8 marzo dalle ore 10 alle 20 e domenica 9 dalle ore 10 alle 14 presso il Centro Foscolo, situato nell’omonima via a due passi dal centro storico.
Il diritto di voto è esteso a tutti gli stranieri maggiorenni, residenti a Corsico, non comunitari o apolidi, con permesso, carta di soggiorno o ricevuta dell’ufficio postale che ne attesti il rinnovo. Gli elettori dovranno, inoltre, esibire la carta d’identità valida, mentre per i neo comunitari rumeni e bulgari è necessario essere in possesso di un documento d’identità non scaduto.
“Si tratta – sottolinea il sindaco Sergio Graffeo – di un’occasione significativa che rafforza il percorso intrapreso sulla via dell’integrazione nella nostra realtà, dove vivono oltre duemila extracomunitari con regolare permesso di soggiorno. Sono loro ad essere chiamati alle urne per scegliere i candidati che li dovranno rappresentare all’interno della Consulta, il cui coordinatore parteciperà alle sedute del Consiglio comunale senza diritto di voto”.
L’istituzione della Consulta dei cittadini stranieri era stata decisa lo scorso anno, approvando una modifica allo Statuto e il relativo regolamento per il suo funzionamento. Il nuovo organismo accoglierà le istanze di tutti i corsichesi extracomunitari che non hanno altro modo per poter far sentire la propria voce.
“Le principali funzioni della Consulta – spiega l’assessora alla Partecipazione e Associazionismo Maria Ferrucci – sono: collegare le comunità straniere e l’Amministrazione comunale, permettere la piena integrazione dei cittadini stranieri a Corsico, favorire il dialogo tra diverse culture, promuovere informazione, aggregazione, confronto tra chi è interessato alla realtà dell’immigrazione e prevenire il razzismo”.
Nell’ottica del reciproco scambio la Consulta collaborerà con gli organismi competenti e con l’ufficio Partecipazione ed Associazionismo il cui personale sarà particolarmente coinvolto nell’attività di supporto. Il nuovo organismo riferirà sui propri lavori al Consiglio comunale almeno una volta all’anno e, su decisione assunta a maggioranza dei voti, sarà ricevuto dagli assessori o dalla conferenza dei capigruppo dopo inoltro della richiesta al Sindaco o al Presidente del Consiglio Comunale.
Ampia la rosa dei candidati in lizza provenienti da Ecuador, Marocco, Egitto, Senegal, Perù, Filippine, Bulgaria, Santo Domingo, Cina, Siria e Sri Lanka. I loro nomi e i loro volti sono noti ai cittadini, che hanno avuto modo di conoscerli durante le presentazioni delle scorse settimane.
La strada delle elezioni dirette condurrà, quindi, alla scelta dei 9 componenti rispetto ai 13 previsti. Gli altri 4 saranno, infatti, nominati dal Sindaco, al fine di garantire un giusto equilibrio all’interno dell’organismo comunale.
Dopo il risultato elettorale sarà lo stesso Sindaco a insediare ufficialmente la Consulta dei cittadini stranieri che rimarrà in carica 4 anni.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -