28.2 C
Milano
venerdì, Maggio 20, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

Istituito l’Osservatorio Metropolitano per la Casa

Ultimo aggiornamento il 8 Maggio 2008 – 16:16

Milano, 8 maggio 2008 – «La questione abitativa è tornata prepotentemente tra le emergenze del Paese. Nell’area metropolitana milanese – rileva l’assessora provinciale alle Politiche per l’abitabilità, Daniela Gasparini – la situazione è ancora più drammatica se pensiamo che il territorio della provincia di Milano ancora oggi rappresenta l’area di approdo della stragrande maggioranza degli spostamenti e delle nuove popolazioni».
L’area metropolitana milanese, infatti, è interessata da diversi flussi abitativi e da nuove richieste di casa: qui si concentra la domanda dei soggetti deboli, spinti dall’immigrazione per lavoro e studio, dalle criticità familiari (invecchiamento, separazioni), dalle difficoltà dell’economia (perdita del lavoro e mobilità), qui ci si scontra con la crisi dell’offerta abitativa e l’aumento vertiginoso di prezzi e canoni.
Davanti a numeri che non lasciano spazio ad interpretazioni (fabbisogno di 100/120.000 unità abitative nel decennio, di cui circa 47.800 corrispondono a domanda di edilizia sociale, canone controllato, etc.), la sfida lanciata dalla Provincia di Milano con il “Patto metropolitano per la casa” indica tre precisi percorsi: una risposta concreta alla tradizionale politica sociale della casa “in locazione”, una seconda risposta per garantire soluzioni differenziate alla domanda abitativa sempre più libera, sempre meno riconducibile ad un dato naturale, sempre più frutto di un originale percorso di vita dei singoli cittadini. In ultimo, è emersa la volontà di far proprie le difficoltà con cui Milano è in grado di rispondere alla richiesta di ospitalità a popolazioni che risiedono temporaneamente (per ragioni di lavoro o studio) o per la difficoltà di accedere ad alcuni suoi servizi.
«Il ruolo che la Provincia si propone di svolgere – ricorda l’assessora provinciale – è dunque fortemente teso all’operatività, di aiuto e di messa in rete dei soggetti preposti. Da qui la nascita dell’Osservatorio Metropolitano della Casa, in cui Provincia e Comune di Milano lavoreranno assieme per fornire un aiuto e orientare tutti coloro che si occupano della questione abitativa nell’area metropolitana milanese».
L’Osservatorio Metropolitano della Casa si occuperà, in particolare, di elaborare e tenere aggiornati, diffondendoli, i dati relativi alla domanda e all’offerta di edilizia residenziale; fotografare la situazione e le sue evoluzioni pubblicando, annualmente, un rapporto di ricerca; supportare la programmazione di settore; valutare e diffondere le buone pratiche; essere strumento di accompagnamento dei comuni; predisporre note informative periodiche destinate ai comuni e agli operatori; svolgere attività di ricerca e di sviluppo.
L’Osservatorio sarà anche la sede dove pubblico e privato potranno lavorare in sinergia per offrire risposte concrete e reali ai bisogni di “casa” dell’area metropolitana milanese.
In un contesto di ampia collaborazione interistituzionale si inserisce, inoltre, il lavoro avviato tra Regione Lombardia e Provincia di Milano attorno ai temi dell’abitabilità e della casa.
Dopo il protocollo d’intesa firmato lo scorso febbraio dagli assessori Mario Scotti e Daniela Gasparini, dove si individuavano percorsi comuni tra il Programma regionale Contratto di Quartiere avviato dalla Regione e il II bando “Città di città” della Provincia, questo secondo bando entra oggi nella fase cruciale.
Con il secondo bando, infatti, si è aperta una nuova fase del Progetto strategico “Città di città”. Se il primo bando si è dimostrato uno strumento in grado di creare un importante canale di interlocuzione tra le istituzioni locali e la società civile, il secondo bando mira a far crescere le capacità di cooperazione tra i Comuni chiamati a ragionare attorno alle politiche dell’abitabilità.
«Con il contratto di Città vogliamo coinvolgere i Comuni della provincia – sottolinea l’assessora Gasparini – perché si facciano promotori di progetti locali sull’abitare. Il nostro obiettivo è quello di favorire la presentazione di progetti di collaborazione intercomunale, che sappiano coinvolgere la pluralità degli attori dei loro territori, in un’ottica di qualità dei progetti, innovazione delle proposte, fattibilità del progetto e di partenariato».
La Provincia di Milano, attraverso il Contratto di Città, offre ai progetti vincitori un contributo complessivo di 1 milione di euro. Gli esiti del bando saranno resi noti entro il prossimo 31 luglio.
In corrispondenza con l’avvio dell’Osservatorio Metropolitano della Casa e del Contratto di Città, è stato potenziato anche l’aspetto informativo e di comunicazione. Attraverso pagine internet dedicate (www.provincia.milano.it/cittacasa/index.html) si potrà accedere a documenti, proposte, materiale informativo. E’ istituita una newsletter periodica sui temi dell’abitabilità e della casa per un dialogo diretto e costante con i comuni e gli operatori del territorio. Infine, dalla sezione appositamente dedicata alla comunicazione, si potrà accedere ai comunicati e alla rassegna stampa, alla foto-gallery, ai video. Completa la nuova struttura di comunicazione una casella postale con cui dialogare direttamente con l’assessora Daniela Gasparini (dilloagasparini@provincia.milano.it).

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,552FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -