23.6 C
Milano
domenica, Giugno 16, 2024

Proverbio: Giugno ciliegie a pugno

Array

Cesano. Forza Italia propone le "ronde", il Sindaco PD vuole uno sportello sicurezza interforze e intercomunale

(mi-lorenteggio.com) Cesano Boscone, 22 luglio 2008 – Il tema della sicurezza scaturito da una lettera al nostro giornale ha portato a seri sviluppi  con proposte e risposte differenti da parte della politica, nonchè ha portato ad animate e accese discussioni nei bar in riferimento ai diversi  comunicati stampa tra maggioranza e opposizione.

Il tema sicurezza, in questi giorni,  è anche sentito maggiormente anche dopo i recenti arresti di alcuni presunti esponenti dell”ndrangheta nel nostro territorio.

Comunque, nel Consiglio Comunale, che si svolgerà domani, Forza Italia proporrà  una interrogazione  in cui chiederà al Sindaco affinche è "si attivi al più presto per attivare forme di collaborazione con le Associazioni degli agenti delle forze dell’ordine in congedo al fine di creare dei gruppi di volontari che presidino aree e spazi pubblici per garantire una presenza visibile e rassicurante per la cittadinanza", una sorta di "ronde" legali, in quanto vi è un problema di sicurezza secondo il PDL.

Ma, la risposta del Sindaco non si è fatta attendere e non ha aspettato il Consiglio Comunale. Dopo essere stato intervistato  al Tg1, domani mattina andrà in onda  un’intervista a Uno Mattina, dove proporrà anche un’idea innovativa: la realizzazione di uno sportello comunale interforze.

"A Cesano non c’è un’emergenza sicurezza, come dimostrano i dati in possesso delle forze dell’ordine e della Polizia locale" dichiara il Sindaco. "L’esigenza, però, di mutare un sentimento diffuso tra la popolazione del sud Milano mi ha spinto a scrivere al Prefetto di Milano, Gian Valerio Lombardi per confrontarsi sull’opportunità di istituire uno sportello interforze".

“Il tema della sicurezza, percepito più che vissuto realmente anche nella mia cittadina – scrive D’Avanzo – è diventato, man mano, un evidente blocco allo sviluppo sociale e alla convivenza pacifica e interrazziale. Devo dirle che, per nostra fortuna, su questo territorio la situazione reale non è così allarmante ma, dovendo e volendo prevenire possibili malintendimenti ed esasperazioni, vorrei intervenire in maniera concreta quanto prima possibile”.

Il sindaco di Cesano ha voluto illustrare, nella lettera indirizzata al responsabile della pubblica sicurezza a Milano e provincia, i contenuti della sua proposta.
“Sarebbe mia intenzione attivare, con la collaborazione della Prefettura – scrive Vincenzo D’Avanzo – uno sportello, che si proporrebbe come strumento per la sensibilizzazione dei cittadini rispetto alla sicurezza, promuovendo la conoscenza e la consapevolezza e allo stesso tempo facilitando l’accesso a servizi specifici. Il nuovo servizio potrebbe rivolgersi all’intera cittadinanza intercomunale, con particolare attenzione alle categorie più vulnerabili cioè anziani, donne e bambini, con la funzione di raccolta di istanze e segnalazioni, dal decoro urbano alla microcriminalità e vandalismo, per fornire risposte immediate attraverso l’attivazione delle specifiche competenze per la soluzione dei problemi, al fine di assicurare vivibilità urbana e qualità della vita”.

Il primo cittadino suggerisce anche le linee guida che dovrebbe avere il nuovo servizio:
· prevenire “l’insicurezza”;
· fornire informazioni su servizi e competenze delle varie forze impiegate nella gestione della sicurezza sul territorio;
· dare indicazioni sui comportamenti più idonei da adottare in situazioni di rischio;
· informare sulle procedure da seguire nei diversi casi;
· raccogliere segnalazioni da parte dei cittadini circa eventuali situazioni di disagio, microcriminalità, vandalismo e attivarsi nella ricerca di risposte adeguate;
· curare l’aggiornamento sia rispetto alla normativa legata alla sicurezza, sia rispetto ai servizi presenti sul territorio;

Dal punto di vista operativo, lo "Sportello" dovrebbe eseguire:
· il monitoraggio e intervenire, anche in modo repressivo, sul territorio con il contributo della Polizia locale e delle altre Forze dell’ordine – quali la Guardia di finanza, i Corpi dei Carabinieri, della Polizia di Stato;
· azioni di intervento sui problemi legati alla devianza e all’emarginazione attraverso l’attivazione dei servizi sociali del Comune e di interventi da parte del volontariato.

Il tutto all’interno di uno spazio comunale: “Il mio Comune – conclude D’Avanzo – metterebbe a disposizione locali adeguati”.
Il sindaco attende ora una risposta dal Prefetto, affinché valuti la fattibilità concreta della proposta.

Vittorio Aggio

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -