18.1 C
Milano
giovedì, Maggio 26, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

Sclerosi amiotrofica, 500 euro al mese alle famiglie dei malati

Ultimo aggiornamento il 10 Agosto 2008 – 16:42

(mi-lorenteggio.com) Milano, 10 agosto 2008 – Un assegno mensile di 500 euro verrà erogato dalla Regione alle famiglie dei malati di Sla, la Sclerosi laterale amiotrofica, malati per i quali ci sarà anche la possibilità di un ricovero temporaneo "di sollievoe" completamente gratuito nelle Residenze sanitarie.
Sono due delle misure più significative contenute in una delibera presentata dagli assessori alla Famiglia e Solidarietà Sociale, Giulio Boscagli, e alla Sanità, Luciano Bresciani, approvata dalla Giunta regionale, che – con uno stanziamento di 12 milioni di euro – dà un forte impulso all’assistenza socio- sanitaria appunto per i malati di Sla, ma anche per i malati terminali, in particolare alle cure palliative e alla terapia del dolore per i pazienti oncologici.

Altri 20 milioni sono già a disposizione dei pazienti in stato vegetativo, che in Lombardia (a differenza che altrove) vengono curati gratuitamente in 41 strutture socio-sanitarie (attualmente 481 pazienti).
Nel complesso sono dunque 32 milioni, già nella disponibilità delle varie Asl, per fornire prestazioni che non rientrano nei Livelli essenziali di assistenza (Lea) fissati a livello nazionale ma che Regione Lombardia ha voluto rendere gratuite, ricavando ingenti risorse dal proprio bilancio, per rispondere a un bisogno particolarmente grave e doloroso.

ASSEGNO E RICOVERO

Il contributo mensile di 500 euro per i malati di Sla è destinato al familiare che quotidianamente dedica tempo ed energie per aiutare queste persone per la propria cura personale, l’igiene, l’alimentazione e la mobilizzazione. Il provvedimento ha valore retroattivo, con decorrenza dal 1° gennaio 2008.
Sempre per i malati di Sla, è previsto il ricovero temporaneo di sollievo (Residenze sanitarie per anziani – Rsa – e per disabili – Rsd) fino a un massimo di 90 giorni all’anno, anche in periodi non consecutivi. Anche in questo caso c’è un effetto retroattivo: alle famiglie o ai Comuni saranno rimborsati eventuali oneri sostenuti nel corso del 2008.

VOUCHER "FLESSIBILE"

Una terza misura importante riguarda sia i malati di Sla sia i malati terminali: il voucher socio-sanitario da 619 euro, con il quale vengono "acquistate" le cure domiciliari, diventa "flessibile", potrà cioè essere erogato con cadenza anche inferiore al mese (mentre finora era mensile).
In questo modo si garantiscono interventi efficaci commisurati all’intensità assistenziale delle prestazioni necessarie a ciascuna persona. Stesso criterio viene adottato per il cosiddetto "credit", forma di intervento simile al voucher, che prevede un piano di assistenza individualizzato.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,550FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -