20.9 C
Milano
martedì, Luglio 5, 2022

Proverbio: Luglio poltrone porta la zucca col melone

Array

In via Soderini a Milano apre l’infopoint del Cantiere del Nuovo

Ultimo aggiornamento il 28 Aprile 2009 – 15:03

(mi-lorenteggio.com) Milano, 28 aprile 2009 – Uno spazio a forma di occhio, proprio come il simbolo del progetto, dove conoscere e approfondire cosa è, e come sarà, il Cantiere del Nuovo: a Milano, in via Soderini, apre oggi al pubblico l’infopoint del Cantiere del Nuovo, la struttura di informazione e comunicazione dedicata al nuovo polo per il lavoro, la formazione e l’innovazione che la Provincia di Milano sta costruendo su un’area di 71mila metri quadrati tra le vie Soderini, D’Alviano e Strozzi.
L’infopoint, inaugurato questa mattina dal presidente della Provincia di Milano Filippo Penati insieme all’architetto Dante Benini, offre a cittadini e utenti materiale informativo di vario genere per conoscere il progetto del Cantiere del Nuovo, in attesa del completamento dei lavori.
Oltre a una mostra che illustra in otto pannelli la filosofia del progetto, l’infopoint ospita il grande plastico che offre una visione completa del complesso architettonico, progettato dallo studio dell’architetto Dante Benini. I visitatori possono guardare il filmato con le interviste e la “visita virtuale” del Cantiere e utilizzare le postazioni pc per navigare sul sito internet www.cantieredelnuovo.it. A disposizione anche tre postazioni per navigare gratuitamente su internet allacciandosi alla rete wi-fi. Un’ala dell’infopoint è inoltre dedicata alle innovative misure per la sicurezza del lavoro applicate per la prima volta in via Soderini grazie ai protocolli sottoscritti con Cgil, Cisl e Uil e Assimpredil e, successivamente, alla collaborazione con Italiana Costruzioni, l’impresa costruttrice che ha accettato di affrontare questa sfida.
“Il Cantiere del Nuovo – afferma il presidente della Provincia di Milano Filippo Penati – è il simbolo dell’impegno della Provincia a sostegno del mondo del lavoro e delle nuove professioni. Da sempre abbiamo guardato alla comunità dei tanti professionisti e dei creativi che operano nell’area metropolitana milanese come a uno dei più importanti motori dello sviluppo territoriale. Con il Cantiere del Nuovo vogliamo dare nuovi spazi e servizi adeguati a questo mondo e offrire ai giovani e a chi cerca di orientarsi nel variegato mondo del lavoro e delle professioni di oggi servizi e strumenti più moderni ed efficienti”.
“Il Cantiere del Nuovo – afferma l’assessore provinciale alle Attività economiche Ezio Casati – è anche un importante intervento di riqualificazione urbanistica e con questa consapevolezza abbiamo scelto di accogliere le richieste del quartiere e mettere a disposizione del Comune di Milano un’area di 2500 metri quadrati dove realizzare un progetto di riqualificazione dei servizi scolastici e della prima infanzia”.
“Il polo provinciale – afferma l’architetto Dante Benini – sarà il simbolo di una Milano che c’è ed è protagonista, con la certezza che l’architettura pubblica non ha più solo funzione celebrativa, ma è parte integrante del processo formativo e sociale della nazione. Ho destinato tutta l’area degli ex vivai alla creazione di una nuova piazza pensile, piena di verde e di giochi d’acqua. Un nuovo luogo di aggregazione, alimentato dall’energia dei ragazzi che in quest’area impareranno un mestiere”.
L’infopoint del Cantiere del Nuovo si trova in via Soderini 24 a Milano e rimane aperto ogni martedì, dalle 10 alle 14, e ogni sabato dalle 15 alle 19.

UN CANTIERE SICURO
A pieno regime il cantiere prevede un sistema di telecamere intelligenti ed altre tecnologie applicate al recinto perimetrale, che sono in grado di riconoscere e localizzare eventuali infrazioni e dare l’allarme alla centrale operativa. Il sistema riesce a rilevare intrusioni o infrazioni anche in caso di scavalcamento, grazie a una tecnologia che rileva e localizza la presenza umana sulle superfici e sul terreno.
Il controllo degli accessi è affidato a un sistema informatico ed elettronico che ai tornelli verifica che chiunque entri in cantiere sia autorizzato: tutti gli operai hanno infatti un tesserino elettronico che contiene i dati personali e professionali e l’ingresso viene autorizzato attraverso il controllo incrociato dei dati con il reticolo venoso della mano sinistra. Ma la parte più innovativa riguarda una sperimentazione che sarà applicata a una porzione definita del cantiere: 25 lavoratori indosseranno caschi, scarpe e imbragature “intelligenti” che segnalano e danno l’allarme in caso di cattivo o mancato utilizzo dei presidi per la sicurezza.

IL PROGETTO
Il progetto del Cantiere del Nuovo prevede la realizzazione di nuovi edifici e la ristrutturazione delle strutture esistenti, dove già operano i tre centri di formazione professionale (Cfp) Bauer, Paullo e Vigorelli e l’Agenzia per la formazione, l’orientamento e il lavoro di Milano (Afol Milano), per un investimento complessivo di circa 50 milioni di euro. L’intervento consentirà di riorganizzare e unificare tutte le attività e i servizi della Provincia legati ai temi del lavoro, della formazione, del sostegno all’imprenditorialità e all’innovazione: dall’Afol al Centro per l’impiego, dai servizi come il Job Cafè ad un nuovo “Centro per il futuro del lavoro e delle professioni emergenti” concepito sulla scorta di altre esperienze europee.
Il Cantiere del Nuovo ospiterà un auditorium da 500 posti, nuovi spazi museali ed espositivi per la promozione di progetti culturali e scientifici. Ci sarà uno “Spinner Center”, un centro dedicato all’incontro tra università e imprese e alla promozione dell’innovazione e della ricerca, e un “Hub creativo”, un luogo pensato per offrire ai giovani creativi strumenti per lo start up o l’incubazione d’impresa, per trasformare le idee innovative in attività imprenditoriali. Grazie all’intervento di ristrutturazione sul complesso esistente, gli studenti dei Cfp disporranno di spazi più ampi, aule e laboratori moderni e una nuova palestra. A disposizione dell’intera comunità inoltre ci sarà un parco di 11 mila metri quadrati, una biblioteca ed emeroteca e spazi pubblici per l’incontro e il tempo libero.
Nel nuovo polo di via Soderini verranno trasferiti dalle sedi di viale Jenner e di via Guicciardini, dove oggi si trovano in affitto, tutti gli uffici della direzione centrale Sviluppo economico, formazione e lavoro e altri uffici della Provincia di Milano, consentendo un risparmio per l’amministrazione di circa tre milioni di euro all’anno.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,550FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -