12.8 C
Milano
mercoledì, Febbraio 1, 2023

Proverbio: Febbraio, febbraiello, cortino e bugiardello

Array

Cesano. Rubate anche le pompe idrauliche esterne della piscina. Ecco, tutta la verità

(mi-lorenteggio.com) Cesano Boscone, 05 giugno 2009 – Nel pomeriggio di oggi, il Sindaco, il Dr Vincenzo D’Avanzo, e con l’Assessore Filippo Capuano insieme alla commissione verificatrice, che deve giudicare lo stato dei luoghi per garantire l’apertura,  e al presidente ragionier Mauro Ongaro e agli ingegneri, della Cesano Sport Management s.r.l. hanno fatto un soppralluogo presso la struttura esterna della piscina.

Due vicende parallele: la prima è quella dell’atto vandalico con la novità del furto delle pompe esterne, la seconda è quella dell’assenza dell’allacciamento alla fognatura.

Il fatto. L’altra notte, dopo aver fatto un buco nella rete, ignoti, sono entrati nella sala macchine dove hanno tagliato i cavi elettrici. L’improvvisa assenza di corrente ha provocato il blocco delle pompe idrauliche che garantiscono il riciclo dell’acqua, fortunatamente,  ad una sola vasca. L’assenza di corrente, ha interrotto il ciclo dell’acqua, causando due gravi danni : l’acqua in prossimità delle pompe anzichè compiere il giro completo è fuoriscita allagando il locale macchine, riempiendolo per oltre 50 centimetri. L’allagamento ha provocato la rovina di una delle pompe idrauliche presenti.

Il locale allagato

Nella vasca esterna, invece, l’acqua, non trovando il riclociclo, è diventata malmastra, fatto questo che già oggi è stato risolto in quanto è stata svuotata e cambiata l’acqua.

"Abbiamo provveduto a presentare presso la locale stazione dei carabinieri la denuncia per furto e contro gli atti vandalici contro ignoti e avviato contemporanemente tutto l’iter dell’assicurazione. Di certo, dopo questo episodio, doteremo la piscina di un sistema di videosorveglianza sia a tutela dei beni aziendali che per la sicurezza di tutti gli ospiti e il personale" ha dichiarato Ongaro.
Sulla vicenda, quindi, da ieri, stanno indagando i Carabinieri a 360°: tutte le ipotesi sono aperte, mentre è scemata del tutto l’ipotesi che il tutto sia opera di teppistelli. Gli ignoti, stando ad alcune indiscrezioni, devono essere esperti di impianti elettrici e pompe idrauliche per il semplice motivo che tagliando un solo cavetto, hanno mandato in tilt l’impianto, mentre, idem il furto esterno. 
"Un gesto criminale, i cui autori spero vengano presi e puniti" dichiara il Sindaco, amareggiato e arrabbiato per quanto accaduto.

L’erba è cresciuta. La rabbia di Capuano e D’avanzo

Insomma, un piano studiato, che potrebbe anche celare oltre all’ipotesi del sabotaggio, per mano di chi e per opera di chi non si sa, anche un furto da parte di professionisti. indipendentemente dalla vicenda dell’atto vandalico.

Esternamente alla piscina esterna, invece, tre pompe idriche sono state rubate. Queste pompe idriche, dovevano garantire il passaggio di tutti gli scarichi della piscina verso le fogne. Quindi, senza di queste, non si può mettere in funzione l’impianto. Ora sono state ordinate e arriveranno in settimana" ha dichiarato uno degli ingegneri.

Il buco nella rete

La seconda è quella dell’allacciamento dell’impianto alla fogna, per il quale mancano ancora i permessi, per motivi burocratici, che sono in corso, mancherebbero alcune firme. 
In questo contesto, la commissione ha dichiarato l’impianto non pronto per l’apertura, anche per prendere ulteriori accorgimenti per garantire la massima sicurezza nonchè tutti i comfort.

La commissione al lavoro

Anche se ci fossero stati i permessi, la piscina non poteva aprire per mancanza delle pompe.

Dopo, questa relazione, questi sono i fatti di cronaca.

Dal punto di vista politico, unanime la condanna del grave atto criminale da parte di tutti i consiglieri uscenti e dei candidati alle amministrative.

Forti critiche, invece, sono state espresse dall’opposizione per i gravi ritardi. Discorso quello dell’assenza dell’allacciamento alla  fogna anticipato e urlato ieri sera nel corso della chiusura della  campagna elettorare del PdL, dove il candidato a Sindaco del centro destra, Massimo Mainardi, e in particolare Gianni D’Alfonso, capolista dei Bigatt, dopo aver condannato il gesto,  hanno raccontato ai cittadini, quanto ancora non si sapeva: l’allacciamento alla fognatura.

Vittorio Aggio

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,573FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -spot_img