26.6 C
Milano
giovedì, Luglio 7, 2022

Proverbio: Luglio poltrone porta la zucca col melone

Array

Si avvia a conclusione la mostra organizzata dal Rotary Club in Casa Brocca a Magenta

Ultimo aggiornamento il 21 Luglio 2009 – 15:01

 (Magenta, 20 luglio ’09) – Si avvia a conclusione nel prossimo fine settimana, la mostra organizzata dal Rotary Club Magenta “Gruppo Visconteo” in occasione delle celebrazioni per il 150 esimo anniversario della storica Battaglia risorgimentale “Magenta e il suo ‘Rosso’ nell’arte contemporanea” allestita negli spazi interni e nel giardino nobile di Casa Brocca.
“Siamo certamente soddisfatti dell’andamento della manifestazione – dichiara il Presidente dell’Associazione Culturale ‘Magenta: un colore’ Daniele Bolzonella principale promotore dell’iniziativa – in quanto, quest’evento, inizialmente, poteva apparire come un vero e proprio salto nel buio, eppure, la mostra ha fatto registrare un confortante presenza di pubblico, ancor più numerosa, in occasione degli altri avvenimenti legati al 150 esimo”.
Bolzonella, già Presidente del Rotary Club Magenta “Gruppo Visconteo” evidenzia la risposta positiva da parte dei vari Club rotariani della provincia venuti in visita alla kermesse artistica, ma ancora più, l’ottimo riscontro avuto nelle scuole di Magenta che si sono dimostrate sensibili alla proposta lanciata all’interno della mostra tramite il concorso artistico.
“Mi piace qui poi sottolineare – osserva Bolzonella – anche l’ottimo apporto dato all’iniziativa dagli incontri promossi insieme all’Associazione ‘Magenta: un colore’, con delle serate che da semplice contorno alla manifestazione, si sono trasformate momenti assai attesi da parte del pubblico”.
In questo senso, Bolzonella ricorda i tre appuntamenti andati in scena: rispettivamente “L’evoluzione de colore oltre l’Impressionismo” a cura a Giovanni Sesia, “Suoni e colori” serata durante la quale è stato presentato il libro sulla storia sociale delle bande musicali magentine alla presenza del Preside della Scuola Media “Baracca 4 Giugno 1859” Tommaso Russo e del Maestro Andrea Raffanini e, infine, “Il percorso tra arte & disagio psichico” dove accanto a Sesia è intervenuto lo psicologo novarese Domenico Nano.
“Quella di ‘Magenta: un colore’ – afferma Bolzonella – è stata una lieta sorpresa e ora il nostro obiettivo è, sempre con l’ausilio del Comune, di dare continuità all’attività di questo sodalizio culturale proponendo anche in autunno altri appuntamenti di questo calibro”.
Quanto invece all’epilogo della rassegna artistica Bolzonella dichiara: “Questa mostra porta con sé un patrimonio culturale non indifferente, che è nostra precisa volontà non veder andare disperso.
Pertanto, il nostro intento principale è quello di lasciare almeno alcune di queste opere in dote alla nostra Città come suggello di quest’importante momento nella storia di Magenta”.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,609FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -