16 C
Milano
mercoledì, Maggio 22, 2024

Proverbio: Aprile fa il fiore e maggio si ha il colore

Array

LOMBARDIA. TRASPORTI, A FERMATA SESTO MARELLI AGGREDITI CARABINIERI E CONTROLLORE

(mi-lorenteggio.com) Milano, 4 luglio 2015 – "Un ringraziamento e solidarieta’ ai due carabinieri e al controllore Atm che, dopo essere intervenuti alla fermata Atm di Sesto Marelli a Sesto San Giovanni (Milano) per contrastare chi si ostina a non pagare il biglietto, sono stati aggrediti. Regione Lombardia si sta muovendo concretamente per contrastare un fenomeno molto grave. Abbiamo deciso, da settembre, di triplicare, con Ferrovie Nord e Trenord, la nuova security dedicata a contrastare la violenza e ogni forma di abuso". L’ha detto l’assessore alle Infrastrutture e Mobilita’ di Regione Lombardia Alessandro Sorte commentando l’aggressione, da parte di un cittadino egiziano senza biglietto, a due carabinieri e un controllore Atm, avvenuta alla fermata Sesto Marelli della metropolitana.

INASCOLTATI DA GOVERNO, SCHIERIAMO NOI LA SICUREZZA – "Troppi ormai gli episodi sui treni e nelle stazioni – ha rimarcato l’assessore Sorte -. I lavoratori dei trasporti pubblici e i cittadini chiedono sicurezza e la Regione, dopo aver chiesto inutilmente aiuto al Governo per far intervenire anche l’esercito, ha deciso, come abbiamo illustrato ieri con il presidente Maroni durante la conferenza stampa dopo Giunta, di muoversi in autonomia". "La sicurezza di chi viaggia – ha proseguito – e’ un bene fondamentale".

EVASIONE E ATTI VANDALICI – "Purtroppo ormai, per molti, e’ un’abitudine – ha denunciato l’assessore – saltare i tornelli d’ingresso per non pagare il biglietto e spadroneggiare sui treni e nelle stazioni. E il danno per le aziende di trasporto e’ enorme sia sul versante della evasione che de gli atti vandalici".

SENSO DI IMPUNITA’ – "La reazione dell’egiziano, nell’episodio in metropolitana – ha concluso l’assessore Sorte -, la dice lunga sul senso d’impunita’ che accompagna questi abusi e che diventa frustrazione profonda per i cittadini che pagano il biglietto. Incomprensibile che l’uomo, dopo aver aggredito i militari e il controllore, senza pagare il biglietto, sia tornato tranquillamente a casa sua".

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -