22.4 C
Milano
domenica, Agosto 14, 2022

Proverbio: Agosto ci matura grano e mosto

Diaspora, rimesse e crisi: l’amministrazione di Abinader riesce a far sì che la crisi colpisca il meno possibile la popolazione in tutti i settori

Ultimo aggiornamento il 18 Luglio 2022 – 21:05

(mi-lorenteggio.com) Santo Domingo, 18 luglio 2022 – La diaspora dominicana, pur affrontando le crisi internazionali nei diversi Paesi in cui vivono, soprattutto Spagna e Stati Uniti, dimostra con i dati presentati che gli immigrati dominicani mostrano un profilo di assoluta responsabilità con il loro impegno di imprenditori a cercare lavoro, in alcuni casi anche più lavori, allontanandosi dall’accontentarsi dei sussidi che il Paese in cui vivono può offrire loro. Tutto ciò accresce la loro dignità e l’immagine del popolo dominicano, che è una garanzia per l’economia del Paese e per lo sviluppo e gli sforzi del presidente Luis Abinader per far sì che le crisi non colpiscano la popolazione come invece accade.

Manuel Dominguez Moreno / Genny Manuela Medina

Le rimesse sono una vena che inietta crescita nell’economia di un Paese. Di conseguenza, le nazioni ottengono maggiore stabilità, sostenibilità e sviluppo. Per questo motivo, la diaspora è considerata una parte essenziale degli Stati. Vale la pena considerare l’importanza delle rimesse della diaspora per lo sviluppo e l’economia del popolo dominicano. I dati mostrano che l’importo delle rimesse è pari o superiore a quello che la Repubblica Dominicana ottiene dal settore turistico e dalle esportazioni messe insieme.

Da anni il Paese caraibico supera le cifre delle rimesse ricevute, il che ha portato a un aumento della percentuale delle rimesse nel Prodotto Interno Lordo (PIL) a livello macroeconomico e, evidentemente, all’importante impatto che questo ha sul sostentamento delle famiglie.

La diaspora dominicana, nonostante si trovi ad affrontare le crisi internazionali nei diversi Paesi in cui vive, soprattutto Spagna e Stati Uniti, rende evidente con i dati presentati che gli immigrati dominicani mostrano un profilo di assoluta responsabilità con il loro impegno di imprenditori a cercare lavoro, in alcuni casi anche in nero, allontanandosi dall’accontentarsi dei sussidi che il Paese in cui vivono può offrire loro. Tutto ciò accresce la loro dignità e l’immagine del popolo dominicano, che è una garanzia per l’economia del Paese e per lo sviluppo e gli sforzi del presidente Luis Abinader per far sì che le crisi non colpiscano più la popolazione.

Inflazione in Spagna e negli Stati Uniti

InflazioneSpagnaStati Uniti
CPI nominale annuo giugno 202210,20%9,10%
IPC nominale annuo 20216,5%6,50%
IPC annuale 2020-0,5%-1,40%

Stati Uniti: Tasso di disoccupazione

Periodo: DisoccupazioneTasso di disoccupazionePeriodo: SalarioSalario minimo
2022 fino a giugno 1/63,60%20221.109,5 €
2021 1/123,90%20211.024,1 €
2020 1/126,70%20201.049,0 €

Spagna: tasso di disoccupazione e salario minimo

Periodo: DisoccupazioneTasso di disoccupazionePeriodo: SalarioSalario minimo
2022 fino a giugno 1/613,10%20221000€
2021 1/1213,30%2021 da sett.965€
2020 1/1216,30%2021 gennaio-agosto 2020950 € 950 €

Rimesse ricevute nella Repubblica Dominicana

PeriodoImporto
2022 a giugno 1/6US$4.861,1milioni *(previsione ±11)
2021 1/1210.402,5 milioni di dollari USA
2020 1/128.219,3 milioni di USD

Nel 2021 le rimesse sono aumentate del 21% rispetto al 2020. Tuttavia, fino a quest’anno (2022) i dati mostrano una diminuzione del 53,2% rispetto alla cifra totale del 2021.  Per quanto riguarda i dati relativi al primo semestre del 2022, 2021 e 2020, le cifre mostrano che nel 2021 le rimesse sono aumentate del 34% rispetto al 2020. Nel 2022, rispetto al 2021, si è registrato un calo del 7,6% ma un aumento del 28,5% rispetto al 2020.

PeriodoImporto
Gennaio-giugno 2022US$ 4.861,1 milioni
Gennaio-giugno 20215.263,1 milioni di dollari USA
Gennaio-giugno 20203.474,8 milioni di dollari USA

Il 2022 potrebbe concludersi con previsioni di entrate da rimesse pari a ±11. Ma se è vero che l’occupazione di immigrati dominicani provenienti da diversi Paesi, soprattutto Stati Uniti ed Europa, può essere favorita dalla stagione estiva nel settore più attivo in questo periodo, come il turismo, non è meno vero che la crisi causata dalla guerra in Ucraina, che in questo momento non si prevede possa terminare a breve termine, può continuare a colpire questi Paesi e, di conseguenza, aumentare l’inflazione, che senza dubbio si ripercuoterà sulla diaspora in generale.

% Rimesse ricevute nella Repubblica Dominicana da diversi Paesi

Stati Uniti84,9%
Spagna6,4%
Haiti1,2%
Italia0,8%
Riposo6,7%

Analisi dei dati

Confronto delle rimesse ricevute con l’inflazione

Mentre l’inflazione in Spagna si è attestata a -0,5% nel 2020 e negli Stati Uniti a -1,4%, le rimesse nella Repubblica Dominicana hanno raggiunto i 3.474,8 milioni di dollari. Mentre nel 2021, quando l’inflazione era salita al 6,5% in Spagna come negli Stati Uniti, le rimesse hanno raggiunto i 10.402,5 milioni di dollari, con un aumento del 34% su base annua.

Confrontando le rimesse ricevute nel primo semestre del 2022, quando l’inflazione in Spagna era del 10,2% e negli Stati Uniti del 9,1%, con lo stesso periodo del 2020, ma con un’inflazione in Spagna dello 0,5% e negli Stati Uniti del -1,4%, le rimesse ricevute nella Repubblica Dominicana nel 2022 mostrano una differenza di un aumento del 28,5% rispetto al 2020, quando l’inflazione era più bassa.

Confrontando il primo semestre del 2022, con un’inflazione del 10,2% in Spagna e del 9,1% negli Stati Uniti, con lo stesso periodo del 2021, con un’inflazione del 6,5% in entrambi i Paesi, le rimesse ricevute nella Repubblica Dominicana sono diminuite del 7,6%.

Confronto tra rimesse ricevute, inflazione e disoccupazione

Mentre l’inflazione in Spagna si è attestata a -0,5% nel 2020 e negli Stati Uniti a -1,4%, e il tasso di disoccupazione nello stesso anno si è attestato al 16,3% e al 6,7% nei rispettivi Paesi, le rimesse nella Repubblica Dominicana hanno raggiunto i 3.474,8 milioni di dollari. Nel 2021, quando l’inflazione era salita al 6,5% in Spagna come negli Stati Uniti, e il tasso di disoccupazione al 13,3% e al 3,9%, le rimesse hanno raggiunto i 10.402,5 milioni di dollari, segnando il già citato aumento del 34% rispetto al 2020. Nel 2021 l’inflazione era più alta, ma il tasso di disoccupazione era più basso.

I dati relativi al primo semestre del 2022, quando l’inflazione in Spagna si attesta al 10,2% e negli Stati Uniti al 9,1% e il tasso di disoccupazione al 13,1% e al 3,6%, rispetto allo stesso periodo del 2020 ma con un’inflazione in Spagna dello 0,5%% e negli Stati Uniti dell’1,4% e un tasso di disoccupazione del 16,3% e del 6,7%, le rimesse ricevute nella Repubblica Dominicana nel 2022 sono aumentate del 28,5% rispetto al 2020. Ciò dimostra che, nonostante l’inflazione sia più alta nel 2022 in entrambi i Paesi, il tasso di disoccupazione è più basso e le rimesse sono state maggiori nel 2022 rispetto al 2020.

Facendo un altro confronto nel primo semestre del 2022, con un’inflazione del 10,2% in Spagna e del 9,1% negli Stati Uniti e un tasso di disoccupazione del 13,1% e del 3,6%, con lo stesso periodo del 2021, ma con un’inflazione del 6,5% in entrambi i Paesi e un tasso di disoccupazione del 13,3% in Spagna e del 3,9% negli Stati Uniti, le rimesse ricevute nella Repubblica Dominicana nel 2022 si sono ridotte del 7,6% rispetto al 2021. Ciò dimostra che nel 2021, quando il tasso di disoccupazione era più alto in entrambi i Paesi rispetto al 2022, le rimesse nella Repubblica Dominicana erano più attive, ma va tenuto conto che nel 2021 l’inflazione in Spagna e negli Stati Uniti era più bassa rispetto al 2022.

Questi dati mostrano soprattutto che l’inflazione sta colpendo in modo significativo i dominicani in diaspora. La creazione di posti di lavoro è positiva sia in Spagna che negli Stati Uniti. Tuttavia, queste cifre dimostrano che l’inflazione sta anche causando un calo del potere d’acquisto in questi Paesi, che ovviamente influisce sulle rimesse che i dominicani della diaspora sono in grado di inviare in patria.

Di conseguenza, la riduzione del volume delle rimesse nella prima metà del 2022 è un’altra conseguenza globale che Luis Abinader deve affrontare per la responsabilità di conoscere la realtà del suo popolo.

La perdita del potere d’acquisto delle classi medie e lavoratrici nei Paesi in cui è insediata la diaspora dominicana, in assenza di un’adeguata revisione dei salari per invertire gli effetti dell’inflazione causata, in primo luogo, dalla crisi energetica globale iniziata nel luglio 2021 e, in secondo luogo, dalle conseguenze della guerra in Ucraina, sta avendo un impatto diretto sulle rimesse.

Pertanto, Abinader, con decisioni responsabili ed efficaci, sta ottenendo un aumento degli investimenti stranieri nella Repubblica Dominicana, che avrà come effetto principale la creazione di posti di lavoro in diversi settori e un aumento del potere d’acquisto delle famiglie dominicane, che ridurrà l’impatto della riduzione delle rimesse.

L. M.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,615FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -