5.2 C
Milano
giovedì, Dicembre 1, 2022

Proverbio: A Sant'Ambrogio il freddo cuoce

Abinader dà il tono in America Latina

di Manuel Domínguez Moreno (ACIP)

Santo Domingo, 9 agosto 2022 – Il presidente della Repubblica Dominicana ha partecipato ieri a Bogotá all’insediamento di Gustavo Petro, che ha anticipato un profondo pacchetto di riforme sociali con un orientamento simile a quello attuato da Abinader nel suo Paese.

Come sempre. Questa frase è stata ripetuta nel discorso di insediamento del nuovo presidente della Colombia, Gustavo Petro, al quale Luis Abinader ha partecipato insieme ad altri capi di Stato, tra cui il re di Spagna, Felipe VI.

Nelle diverse cronache e analisi della stampa internazionale, sia latinoamericana che di altre parti del mondo, c’è una parola che coincide: cambiamento. E, sebbene i modelli siano diversi, l’impronta del nuovo modo di governare di Luis Abinader nella Repubblica Dominicana è implicita, con le sue ovvie differenze di attuazione, in questo cambiamento che sta avvenendo in diversi Paesi dell’America Latina.

Non si tratta del tipo di politiche o del sistema ideologico che viene trasferito nelle strategie di governo. Si tratta di attuare politiche a vantaggio del popolo, in cui la priorità assoluta è il benessere dei cittadini rispetto agli interessi dei “soliti noti”.

Abinader è arrivato alla presidenza della Repubblica Dominicana sulla spinta del “cambiamento” richiesto da un popolo che per 16 anni è stato afflitto da corruzione, criminalità e privilegi di pochi. Abinader, in quanto uomo con esperienza sia politica che imprenditoriale, ma con una sensibilità ai bisogni della cittadinanza sconosciuta da quasi due decenni, sta attuando il “cambiamento” e un governo “dal popolo e per il popolo“. Questo, pur con le ovvie differenze, sta segnando una pietra miliare in tutta l’America Latina.

Tuttavia, i “soliti noti” a cui Petro ha fatto riferimento nel suo discorso, hanno una parola che mette in dubbio tutte le politiche attuate dai governi democratici per fornire benessere al popolo: populismo.

Con il suo nuovo modo di governare, Abinader sta dimostrando che è possibile applicare un modello in cui i benefici sono “per tutti” e non solo per i “soliti noti”, dando ovviamente la priorità al benessere dei cittadini ed evitando che le conseguenze dei giochi di potere globali ricadano sulle classi medie e lavoratrici del Paese.

Uno dei temi centrali del discorso di Gustavo Petro è stata l’equa ridistribuzione della ricchezza. “Il 10% dei colombiani possiede il 70% della ricchezza. È assurdo e amorale, non naturalizziamo la disuguaglianza e la povertà. Siamo una delle nazioni socialmente più diseguali del pianeta e questa è un’aberrazione che non può continuare se vogliamo essere una nazione e vivere in pace”.

Questo punto di vista, questo obiettivo di Petro di non naturalizzare la disuguaglianza che affligge il mondo a causa dei “soliti noti” era già uno dei punti su cui Abinader ha posto molta enfasi, anche prima di vincere le elezioni del 2020.

Una volta diventato Presidente, Abinader, nel bel mezzo di una situazione internazionale molto complessa e con conseguenze che sta alleviando proprio grazie all’obiettivo che non deve essere il popolo a subire gli effetti dei giochi dei potenti, come dimostrano i dati di organizzazioni internazionali come il Fondo Monetario Internazionale.

Abinader sta ottenendo, come riporta Diario16, che i buoni dati sulla crescita economica vengano trasmessi ai cittadini con una riduzione storica dei livelli di povertà e di fame nella Repubblica Dominicana. Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), la Repubblica Dominicana, insieme a Panama, sono i Paesi che hanno ottenuto la maggiore riduzione dei dati sulla fame nella regione dell’America centrale e dei Caraibi.

La FAO non ha peli sulla lingua quando afferma nel suo rapporto che queste cifre si spiegano solo “con il pacchetto di misure che il governo [di Luis Abinader] ha messo in campo per contenere le famiglie di fronte alla pandemia, come l’ampliamento della copertura del programma Supérate, l’aumento della produzione di alimenti per il paniere alimentare di base, il sostegno alla semina diretta, l’azzeramento delle tasse e altro“.  Questo rappresenta “un risultato significativo per il Paese di fronte all’attuale crisi alimentare globale”.

Tuttavia, Abinader sa che nel mondo di oggi non si possono mettere le porte alla campagna. Per questo motivo, l’analisi che ha presentato nei forum internazionali a cui ha partecipato ha superato i confini dominicani.

Già in occasione del Vertice iberoamericano tenutosi ad Andorra, il Presidente della Repubblica Dominicana aveva avvertito che, ancor prima della pandemia, esisteva una crisi del regionalismo iberoamericano che paralizzava i meccanismi di integrazione e la disintegrazione mostrata dai diversi Paesi latinoamericani nei forum internazionali. Questo ha portato anche a una stagnazione economica che si è tradotta in una crescita ben al di sotto della media mondiale.

“Sono dati molto preoccupanti che ci obbligano a raddoppiare gli sforzi per l’integrazione regionale e il rafforzamento del multilateralismo. Amici, il mondo ha raggiunto un punto di svolta che ci obbliga a considerare un altro modello di sviluppo, equo, verde e sostenibile”, ha detto Abinader, secondo cui uno dei modi per raggiungere questa integrazione è il riorientamento della spesa pubblica e delle modalità di governo.

Riunione Abinader – Petro

Prima dell’insediamento di Gustavo Petro, il presidente colombiano e Luis Abinader hanno avuto un incontro bilaterale in cui hanno discusso questioni di interesse comune tra due nazioni sorelle con interessi comuni.

Nel corso dell’incontro si è discusso del rafforzamento delle relazioni diplomatiche tra la Colombia e la Repubblica Dominicana, nonché di questioni economiche e turistiche e della situazione ad Haiti, tema sul quale Abinader ha sottolineato in vari forum internazionali che il coinvolgimento e la partecipazione della comunità internazionale sono essenziali per risolvere la delicata situazione nel Paese confinante con la Repubblica Dominicana.

Manuel Domínguez Moreno (ACIP)

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,570FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -