5.8 C
Milano
sabato, Febbraio 24, 2024

Proverbio: Febbraio, febbraiello, cortino e bugiardello

Forum Intelligenza Artificiale – report conclusivo

A Camogli, all’Hotel Cenobio dei Dogi nelle giornate del 2 e 3 dicembre 2023 si è tenuto il Forum Intelligenza Artificiale, un convegno a porte chiuse, organizzato da Frame – Festival della Comunicazione, che ha coinvolto accademici, tecnici, giornalisti, economisti e intellettuali per approfondire tutte le implicazioni che l’IA sta avendo e potrà avere sulla società.

(mi-lorenteggio.com) Camogli, 3 dicembre 2023. Il primo passo per trovare soluzioni è porsi le domande giuste. L’aspirazione del Forum è che le sollecitazioni prodotte da questo momento di confronto arricchiscano e rendano più incisive le attività dei diversi ambiti di azione in cui ciascuno dei partecipanti opera.

Si sono riuniti attorno a uno stesso tavolo personalità esperte in ambiti diversi, operativamente impegnate (chi in board istituzionali, chi nella ricerca, chi nell’area produttiva) nella gestione degli impatti che l’IA ha in quello specifico contesto di applicazione in cui opera. Unico scopo dell’incontro è stato mettere a confronto le esperienze delle realtà che ciascuno porta con sé, per allargare lo sguardo sulla complessità del fenomeno, arricchendo la propria posizione con il portato degli altri punti di osservazione. In questo confronto, a porte chiuse, si è sviluppato un dibattito libero e spontaneo, che, tra convergenze e divergenze, evidenze e percezioni, analisi e proiezioni, nell’ottica di ascolto e apertura, fuori dai riflettori mediatici, ha fatto emergere alcune questioni nodali.

Si è parlato di:

Il momento: l’Intelligenza Artificiale si è aperta alle applicazioni generative, dando prova di grandi capacità inedite e offrendo grandi opportunità. L’IA pervade ogni aspetto della nostra vita privata, sociale, produttiva ed evolve con un ritmo crescente.

Si pone dunque il tema di come convivere oggi con le macchine intelligenti e come vivere nel futuro. Convivere significa comprendere.

L’esigenza di definire con approccio scientifico, tecnologico e umanistico cosa sia esattamente l’IA, cosa può fare, quali sono i modelli che adotta e quali sono le implicazioni etiche, economiche e legali che ne derivano.

In particolare si è discusso di:

  • intelligenza, allargando lo spettro a tutte le forme di intelligenza, tanto nell’intelligenza naturale quanto in quelle artificiali
  • rapporto tra essere umano e macchina, dove la tecnologia è intesa come potenziamento delle capacità umane
  • libertà. La nuova macchina ha in potenza la capacità di condizionare le decisioni umane. Quali attività dovremmo/potremmo delegare alla macchina? E con quali implicazioni
  • attenzione ai diritti delle persone
  • conoscenza. L’IA si può interpretare come una nuova interfaccia della conoscenza. Ogni nuova tecnologia fa parte di un ambiente nuovo dal quale trae significati, un ecosistema nel quale ci troviamo ad agire. La paura verso il nuovo può essere combattuta solo con una maggiore consapevolezza
  • lavoro, ambito che sta attraversando una fase di radicale trasformazione: dal rapporto spazio-tempo, alla sostituibilità dell’essere umano in alcune mansioni, dall’aumento dell’ingaggio cognitivo alla redistribuzione della ricchezza

La necessità di una regolamentazione condivisa, tenendo conto di diversi aspetti tra cui:

  • la questione della titolarità dei diritti sui dataset e sugli esiti
  • la sicurezza dei dati e delle infrastrutture informatiche
  • la qualità dei dati e dei dataset che istruiscono l’algoritmo
  • la distinzione tra rischio e pericolo. Le buone intenzioni non bastano, occorre immaginare anche le conseguenze inattese
  • la necessità di rimettere al centro del dibattito il rischio della manipolazione digitale, approfondendo la distinzione tra persuasione e manipolazione, tra dispositivi normativi e dispositivi di nudging.
  • quale grado di fiducia riporre nei risultati delle elaborazioni dell’IA. Definire chiare responsabilità può rappresentare un passo necessario.
  • chi e come deve applicare la funzione di filtro e con quali criteri
  • il rapporto tra il diritto a innovare e il diritto alla privacy
  • la regolamentazione e la responsabilità. La differenza tra le leggi e le tecnologie nella capacità di condizionare i comportamenti umani
  • la difficoltà nell’implementare qualsiasi regola in un contesto in continua evoluzione.

Condizione necessaria per affrontare tutti gli aspetti legati all’applicazione dell’IA è la consapevolezza diffusa; l’investimento sulla conoscenza dovrebbe andare di pari passo con la regolamentazione. Ad oggi tendiamo ad investire di più nell’addestrare gli algoritmi a conoscere le persone che nell’educare le persone a conoscere gli algoritmi.

Si pongono così anche i temi correlati del deskilling-reskilling e della formazione a tutti i livelli e in tutte le fasi evolutive, con un reale lifelong learning, personalizzato sul singolo anche in funzione dei contesti in cui agisce, ripensando e aggiornando i modelli educativi.

Si ripropongono molte domande aperte:

quali sono i contorni del concetto di intelligenza e di esperienza consapevole? È possibile elaborare una legge “flessibile”, dinamica, capace di essere tempestiva nel presente e nello stesso tempo essere efficace nei confronti degli sviluppi che l’IA avrà nel futuro? Può essere questa l’occasione per alzare il livello delle competenze? Come possiamo favorire una implementazione sostenibile dell’IA nel mondo delle imprese?

Danco Singer

coordinatore del Forum e amministratore unico di Frame

Hanno partecipato al Forum:

– Paolo Benanti – consigliere di Papa Francesco sull’IA e professore alla Pontificia Università Gregoriana

– Brando Benifei – eurodeputato e relatore del regolamento europeo sull’Intelligenza Artificiale
– Marco Bentivogli – esperto di Politiche di Innovazione dell’Industria e del Lavoro

– Rosangela Bonsignorio – direttrice del Festival della Comunicazione e scrittrice

– Fausto Caprini – amministratore delegato di Retex

– Gherardo Colombo – ex magistrato e coordinatore del Comitato legalità del Comune di Milano

– Nello Cristianini – prof. di Intelligenza Artificiale – Università di Bath, UK

– Giambattista D’Aste -avvocato, of counsel di CBB Law

– Alberto Diaspro – direttore del team Nanoscopy – Istituto Italiano di Tecnologia di Genova

Silvia Ferrara – prof. di Archeologia e Filologia –  Università di Bologna
– Maurizio Ferraris –
prof. di Filosofia teoretica – Università di Torino

– Federico Ferrazza – direttore di Wired Italia

– Marco Formento – direttore Global Innovation & ESG – Dolce&Gabbana Carola Frediani – giornalista di temi digitali (cybersicurezza, privacy, sorveglianza)

– Guido Frisiani – senior partner e leader di McKinsey Telecommunications, Media & Technology Practice in Europe

– Federico Fubini – inviato e vicedirettore del Corriere della Sera
 Stefania Giannini – vicedirettrice – Unesco con delega all’educazione
 Paolo Granata – prof. di Book e Media Studies – Università di Toronto
 Yoram Gutgeld – CEO Europe Khealth, piattaforma digitale basata su IA per la medicina
 Layla Pavone – coordinatrice del board per l’innovazione tecnologica e trasformazione digitale – Comune di Milano

– Carlo Sabetta – manager area normativa e regolamentazione Assotelecomunicazioni

– Stefano Scarpetta – direttore per l’Occupazione, il Lavoro e le Politiche sociali – OCSE
– Viola Schiaffonati – prof. di Logica e Filosofia – Politecnico di Milano
– Guido Scorza – componente del Collegio del Garante della protezione dei dati personali

– Giorgio Vallortigara – prof. di Neuroscienze – Centre for Mind-Brain Sciences, Università di Trento

– Mila Valsecchi – esperta di strategie dell’apprendimento e AD di Framevision

– Danco Singer – coordinatore del Forum e amministratore unico di Frame

– Veronica Scazzosi – responsabile organizzazione del Forum e project manager di Frame

V.A.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -