18.7 C
Milano
mercoledì, Maggio 22, 2024

Proverbio: Aprile fa il fiore e maggio si ha il colore

L’ex ministro Giancarlo Pagliarini: «A 82 anni voterò per la prima volta Forza Italia, perché Marco Reguzzoni rilancerà il federalismo»

(mi-lorenteggio.com) Milano, 9 maggio 2024. Alle elezioni Europee, all’età di 82 anni, Giancarlo Pagliarini voterà per la prima volta Forza Italia. «Lo farò convintamente – dice – perché voglio sostenere Marco Reguzzoni, che corre da indipendente ed è uno dei pochi che ancora parla di federalismo».

È una scelta di campo quella del ministro al Bilancio nel primo governo Berlusconi, per 14 anni senatore e deputato della Lega Nord, ora portavoce di Alleanza per l’Autonomia. «Col nostro gruppo abbiamo deciso di fare questa scelta, convincendo un elettorato che un tempo era quasi tutto della Lega e che ancora si disorienta davanti a un nome come Forza Italia. Ma tutti hanno compreso che questa è l’unica strada possibile per provare a ottenere qualcosa di concreto».

Fu d’altronde proprio lui uno dei primi a spingere Reguzzoni a scendere in campo: «Ci conosciamo e stimiamo da una vita. Poi ho letto il suo libro, “Vento di cambiamento”, e ne sono rimasto colpito. In certi punti mi sembrava di averlo scritto io stesso. E poi trovare qualcuno che, con la sua storia, ha il coraggio di dire “Forza Europa” mi piace un sacco». Per il già ministro, il futuro – «anche del Nord» – va giocato sui tavoli continentali: «Chi oggi urla “meno Europa” è fuori dal mondo. Certo, ci vuole una UE organizzata meglio di così. Magari Bruxelles ci rompe le palle su qualcosa, però Roma ci toglie il sangue e l’aria».

Così Pagliarini ha deciso di affidare le sue speranze nelle mani del presidente dei Repubblicani. «Purtroppo, nella “Salvini premier” non si parla più di federalismo. E mi spiace moltissimo: ho tanti ricordi, tanti amici, tanti affetti lì dentro. Oltretutto, serve una visione ampia degli obiettivi, perché il “mio” federalismo non è votato all’isolamento, ma si concretizza dentro un’Europa dei popoli che valorizzi le sue tante diversità. Reguzzoni deve andare a Bruxelles con l’idea di far funzionare meglio l’Europa, non concentrandosi sull’Italia o sul Nord. È il sistema complessivo che va cambiato».

«Così – conclude Pagliarini – anche se anni fa non l’avrei mai detto, stavolta non avrò bisogno di turarmi il naso per mettere la croce su Forza Italia per aiutare Reguzzoni».

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -