15.6 C
Milano
sabato, Ottobre 1, 2022

Proverbio:Ottobre, il vino è nelle doghe A S. Francesco (4 ottobre) arriva il tordo e il fresco

Array

Droga, 5.000 giovani assistiti e curati in centri polivalenti

Milano 16 marzo 2007 – Sono 5.000 i giovani di Milano e dell’hinterland che sono stati assistiti e curati, per uscire dal tunnel della droga e reinserirsi nella vita sociale, in alcuni "centri polivalenti", creati per un’azione di recupero da una iniziativa congiunta dell’assessorato regionale alla Famiglia e Solidarietà Sociale, della Prefettura di Milano e delle Asl Milano centro, Asl Milano 1 (Legnano), Asl Milano 2 (Vimercate) e Asl Milano 3 (Monza).

Si tratta di giovani tra i 15 e i 26 anni, che non hanno mai avuto contatti con i Servizi territoriali per tossicodipendenti (Sert) e che, dopo essere stati fermati dalle Forze dell’Ordine per possesso di sostanze, invece di sostenere il colloquio, previsto dalla legge per la definizione dei percorsi di trattamento nelle Prefetture, sono stati avviati a questi "centri polivalenti", in cui hanno potuto usufruire di un nuovo percorso educativo e preventivo dalla dipendenza dalla droga.
In questi centri i giovani, assistiti da personale qualificato, hanno potuto sostenere i colloqui previsti dalla legge per individuare i percorsi di trattamento più idonei.

I risultati di questa sperimentazione, avviata cinque anni fa, sono stati illustrati in un convegno, organizzato dalla Regione in collaborazione con la Prefettura e l’Asl Milano Due.
"L’aspetto educativo di ascolto che ha caratterizzato questa sperimentazione – ha affermato l’assessore alla Famiglia e Solidarietà Sociale, Gian Carlo Abelli – mi sembra l’aspetto centrale e il vero collante della collaborazione tra le tre istituzioni, che si sono avvalse anche dell’aiuto delle organizzazioni del privato sociale. La flessibilità che i servizi stanno dimostrando, integrandosi sul territorio per cogliere i bisogni che il cambiamento nel consumo delle droghe richiama, è un risultato tangibile che ci invita a rafforzare l’intervento preventivo e l’incontro con i giovani."

Il prefetto di Milano, Gian Valerio Lombardi ha sottolineato la positività di questa sperimentazione che ha "messo in rete" la competenza di tanti soggetti, creando le premesse per un lavoro più efficace nell’affrontare le situazioni di rischio in cui vengono a trovarsi talvolta i giovani.
Per realizzare questa sperimentazione la Regione Lombardia ha stanziato quasi 900.000 euro, che sono stati in gran parte assegnati alle Asl perché si dotassero e formassero il personale dei "centri polivalenti".

Redazione + agenzie

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,574FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -