21.1 C
Milano
domenica, Ottobre 2, 2022

Proverbio:Ottobre, il vino è nelle doghe A S. Francesco (4 ottobre) arriva il tordo e il fresco

Array

Visita del Papa: stop ai pass

(mi-lorenteggio.com) Pavia 10 aprile 2007 – Il popolo di Pavia vuole in massa incontrare il Santo Padre:
· oltre le più ottimistiche previsioni, v’è stata una grandissima richiesta di pass per assistere alla S.Messa agli Orti Borromaici;
· da oggi è temporaneamente sospesa la distribuzione ai singoli fedeli da parte dell’Ufficio della Curia; ancora possibile la prenotazione, ma in lista d’attesa;
· nessun problema per chi ha già ottenuto il pass o si è prenotato presso le parrocchie.

Negli scorsi giorni un numero elevatissimo di fedeli si è rivolto all’Ufficio distribuzione pass della Curia di Pavia per partecipare alla Santa Messa che S.S. Benedetto XVI celebrerà domenica mattina 22 aprile.
Si sono di gran lunga superate anche le stime più ottimistiche, mostrando nei fatti l’attesa di popolo per l’arrivo del Santo Padre.
Fino ad oggi sono stati assegnati circa 15.000 pass, ma le richieste continuano in modo massiccio ad affluire alla Curia vescovile.

Poiché non è ancora interamente completato il calcolo dei pass richiesti dalle parrocchie della Diocesi e poiché, in base al criterio che è stato fin dall’inizio reso noto e seguito, saranno privilegiate proprio le richieste provenienti dalle parrocchie, da oggi le richieste di pass presentate dai singoli fedeli direttamente alla Curia verranno accolte solo per la quota che residuerà, compatibilmente con i limiti previsti dallo spazio degli Orti Borromaici.

Ricordiamo che è stato scelto fin dall’inizio lo spazio degli Orti Borromaici per la vastità dell’area, spazio che per la grande richiesta di pass ora si prevede di saturare in ogni settore.
Questo si sottolinea con gioia, per un verso, perchè ciò dimostra il grande affetto con cui i fedeli della diocesi di Pavia stanno rispondendo all’invito del Santo Padre di partecipare alla Santa Messa, ma con rammarico, per l’altro verso, dato che si teme che, al ritmo attuale con cui giungono le domande, non si possa soddisfare tutte le richieste di pass per accedere all’area.
Si ricorda, comunque, che i fedeli potranno disporsi su Lungo Ticino e partecipare alla Santa Messa seguendo le immagini trasmesse dai maxi schermi che saranno appositamente installati.

Per quanto riguarda le richieste giunte dalle parrocchie, come ci spiega il dottor Paolo Carena che coordina i volontari preposti al servizio, la parrocchia di santa Maria del Carmine ha richiesto finora il maggior numero di pass, circa 700. A ruota la parrocchia di santa Maria di Caravaggio con circa 600 richieste di pass. Seguono poi le parrocchie del SS. Crocifisso, circa 500, San Francesco e Duomo con circa 450 e San Michele con 350.

Da fuori sono giunte richieste di pass dalle diocesi confinanti, Tortona in primis, e dalle comunità parrocchiali di Sant’Eustorgio in Milano, Abbiategrasso, Vermezzo e altre ancora. Molto rilevante ovviamente la presenza di agostiniani.
La richiesta di pass giunta dal gruppo più lontano proviene da Sanremo, dalla "Famiglia dell’Ave Maria". Si tratta di una famiglia religiosa nata con approvazione del Vescovo di Pavia monsignor Allorio, in seguito al miracolo ricevuto da Maddalena Carini della Cascina Morona della parrocchia di Zelata di Bereguardo: da Sanremo si muoveranno circa in 20.

Comunione e Liberazione ha richiesto circa 1000 pass e ha offerto la collaborazione nel gestire il servizio di accoglienza ai fedeli nell’avvicinarsi all’area dove si celebrerà la Santa Messa.

Saranno presenti anche i “Papaboys” che stanno progettando di stendere uno striscione inneggiante a Benedetto XVI a ridosso delle piante di Lungo Ticino.

Abbiamo accennato al Servizio d’Ordine: circa 140 giovani saranno incaricati di prestare questo servizio, giovani provenienti dalla diocesi, dagli Scout, dal Rotaract gruppo giovani del Rotary, dal Gruppo Giovani dell’Ordine di Malta, dal Circolo Giovani di Pavia che si aggiungeranno a coloro che normalmente prestano tale servizio nelle celebrazioni vescovili. Si occuperanno anche di accompagnare con il tradizionale ombrello bianco i sacerdoti, circa 130, incaricati di distribuire la santa comunione ai fedeli.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,573FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -