Sorpresi a rubare 21 litri di latte e brioches

    0
    305

    Corsico (17 luglio 2007) – Sono giunti in Italia da pochi giorni, dopo un lungo viaggio dall’Ucraina, la “Piccola Russia” governata da Viktor Janukoviè. Hanno abbandonato miseria e disperazione con un sogno, una speranza. Che si è infranta nella notte, quando, mentre stavano rubando latte, banane, coca cola e brioches in un supermercato sono stati fermati e indagati per furto dalla Polizia locale. “Il Comune di Corsico – spiega il sindaco, Sergio Graffeo – è molto impegnato in interventi di solidarietà e di mediazione con gli stranieri, anche quelli irregolari, sia direttamente sia in collaborazione con parrocchie e associazioni cittadine. Però l’aiuto non può essere confuso con il permesso a delinquere. Ci sono regole che vanno rispettate, da tutti”.
    Il fatto è avvenuto ieri sera, intorno alle 23.30. I.C. del ’79 e M.K del ’73 sono entrati, forzando una porta sul retro, nel supermercato Punto Sma di via Copernico 5 a Corsico. Una pattuglia della Polizia intercomunale, istituita da quattordici Comuni del sud ovest milanese e in servizio tutti i giorni fino alle ore 24, allertata da alcuni cittadini è intervenuta sul posto. I due ucraini sono scappati e, dopo un breve inseguimento, gli agenti li hanno fermati e condotti al comando della Polizia locale di Corsico per il fotosegnalamento. Senza fissa dimora e permesso di soggiorno, i due sono stati accompagnati in questura a Milano per le pratiche di espulsione.
    Erano riusciti a portare via 21 litri di latte, sei confezioni di banane, quattro lattine di coca cola e una decina di brioches. Né birra, né superalcolici. “Avevamo fame”, si sono giustificati in un italiano molto stentato.
    Secondo i primi accertamenti eseguiti dalla Polizia di Corsico, i due ucraini avrebbero raggiunto l’Italia con mezzi di fortuna, attraversando i confini senza farsi scoprire dai finanzieri della dogana. Sono giunti a Milano, la capitale economica dell’Europa, nella speranza di trovare qualche lavoro occasionale, dormendo qua e là, soprattutto nelle numerose fabbriche abbandonate del milanese.
    “Solidarietà, ma anche determinazione – dice l’assessore alla Polizia locale, Filippo Errante – nell’impedire qualunque violazione della legge. Per questo abbiamo intensificato i pattugliamenti serali e notturni, anche in collaborazione con i carabinieri e promosso iniziative estive ricreative per impedire che gli spazi cittadini siano occupati da spacciatori o stranieri senza regolare permesso di soggiorno”.

    Redazione

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui