20.2 C
Milano
mercoledì, Ottobre 5, 2022

Proverbio:Ottobre, il vino è nelle doghe A S. Francesco (4 ottobre) arriva il tordo e il fresco

Array

A Milano una "Casa d’ascolto" per le donne arabe

Milano 25 luglio 2007 – Regione Lombardia, prima istituzione in Italia, sosterrà la realizzazione di una "Casa di ascolto" per le donne arabe. Promuoverà inoltre una ricerca sulla condizione della donna mussulmana in Lombardia e darà avvio a corsi di istruzione specificamente dedicati alle donne.
Lo ha annunciato il presidente della Regione, Roberto Formigoni, nell’incontro con la presidente dell’Acmid (Associazione delle donne marocchine in Italia), Suad Sbai, accogliendo e facendo proprie le sue proposte. Presenti all’incontro anche l’onorevole Daniela Santanché, la vicepresidente dell’Acmid, Dounia Ettaib, e il sottosegretario alla presidenza della Regione, Robi Ronza, che seguirà da vicino la realizzazione dei tre progetti.

"La nostra iniziativa – ha spiegato Formigoni – è tesa a favorire una convivenza basata sul rispetto reciproco, sul rispetto della legge e dei diritti, e a promuovere un’integrazione attraverso il dialogo nella diversità".
La "Casa di ascolto" verrà realizzata a Milano tenendo conto della positiva esperienza di una struttura analoga avviata dall’Acmid a Roma con il sostegno dell’on. Santanché. Offrirà a tutte le donne mussulmane che ne hanno bisogno assistenza sociale, legale, medica, psicologica, attraverso professionisti volontari e sarà un luogo fisico e umano di accoglienza e di aiuto per le difficoltà.

La ricerca sulla condizione femminile è stata richiesta non solo da Acmid ma anche da altre associazioni proprio per conoscere, e quindi combattere, le situazioni e le forme di sottomissione delle donne arabe agli uomini.
"Offrire punti di riferimento e strumenti di conoscenza – ha detto Suad Sbai – è la forma giusta per aiutare le donne arabe a non sprofondare nell’emarginazione ma a sviluppare la coscienza di sè, della propria dignità e dei propri diritti all’interno della famiglia e nella società". Per la realizzazione di questa ricerca la Regione intende affidarsi all’Ismu, ma anche all’Istituto per la Famiglia dell’Università Cattolica e all’Irer.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,569FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -