13.6 C
Milano
mercoledì, Febbraio 1, 2023

Proverbio: Febbraio, febbraiello, cortino e bugiardello

Array

Lodi a 850 anni dalla sua fondazione

(mi-lorenteggio.com) Lodi, 06 giugno 2008 – 850 anni fa Lodi, l’antica Laus dei Romani, dopo essere stata interamente distrutta dai Milanesi veniva ricostruita da Federico I di Svevia, il Barbarossa, secondo concetti urbanistici nuovi e moderni che a distanza di quasi un millennio conferiscono ancora alla città bellezza e fascino.

Per celebrare la fondazione e la rinascita, il comune di Lodi promuove una serie di iniziative articolate in un ricco calendario di eventi che renderanno la città di Lodi, grazie anche ad un potenziamento dei servizi per i turisti, una meta ideale da visitare e scoprire per tutto il 2008.

A fianco degli eventi ufficiali che sottolineeranno le date significative della fondazione della città, si proporranno altri appuntamenti promossi dall’amministrazione comunale, ormai consolidati, che contribuiranno a creare un’offerta variegata e adatta a soddisfare molteplici fruitori: la rassegna dei Sette Peccati Capitali (8-18 maggio), Lodi al Sole (luglio-agosto), Contemporaneamente (settembre), la Notte bianca, il Palio, la Fiera d’autunno.

Posta in una posizione strategica, a pochi chilometri da Milano, Piacenza, Brescia e Pavia, sull’autostrada A1 Milano/Bologna, Lodi è una città tranquilla, facilmente visitabile a piedi, dalle molteplici attrattive culturali, con mercati e negozi di tradizione, parchi e aree gioco per bambini e famiglie.
Adagiata sulle rive dell’Adda propone percorsi e piste ciclabili che permettono di organizzare giornate tra cultura, enogastronomia e percorsi all’aria aperta.

L’ANNIVERSARIO

Monumenti e visite guidate: dalla cattedrale di San Bassiano, al Tempio dell’Incoronata, alle mummie di Gorini
Visitare Lodi è facile: una nuova segnaletica turistica, tour guidati, materiale divulgativo sono offerti ai visitatori per scoprire alcuni dei monumenti più importanti quali, ad esempio, Il Duomo romanico (XII sec.), la Chiesa di San Francesco (XIII sec.) il tempio rinascimentale dell’Incoronata con il suo straordinario ciclo pittorico (XV sec.) o la peculiare collezione anatomica di Paolo Gorini (XIX sec), che nell’Ottocento salì all’onore delle cronache per le sue “mummie” e che oggi è ospitata nel bel chiostro dell’antico ospedale.

Pedalando per Lodi: biciclette ed escursioni
Tante biciclette marchiate 850° sono messe a disposizione dei turisti per visitare la città, accompagnati da guide in appositi percorsi offerti dall’amministrazione.
In collaborazione con Ciclodi – Fiab ogni domenica, da marzo a settembre, sarà possibile percorrere un itinerario di 15 chilometri: da piazza della Vittoria, per le vie cittadine, fino al Castello, all’edificio della Banca di Lodi di Renzo Piano, al Parco dell’Isola Carolina, alle rive dell’Adda. Durante la settimana le biciclette sono a disposizione dei gruppi di visitatori su prenotazione.

I mercati, l’accoglienza e la gastronomia
Tanti i mercati, le occasioni di acquisto e di ristoro: ristoranti, enoteche, locali in centro o lungo il fiume. Nel mercato, sulla piazza e nelle vie di Lodi è possibile trovare i formaggiai che vendono la “raspadura”, il grana e il pannerone lodigiano (presidio Slow food dal sapore leggermente amarognolo); le pasticcerie e panetterie dove provare la “tortionata”; le botteghe della ceramica artigiana di Lodi con il marchio CAT.

12 luglio- La città gioiosa: un progetto dello Studio Festi
L’amministrazione comunale propone una produzione originale dello Studio Festi per l’850esimo. Nella scenografia di piazza della Vittoria rivivranno persone e personaggi, reali e di fantasia, che hanno fatto la storia di Lodi: dieci quadri viventi, scene tra teatro, danza, recitazione, allestimento e ricostruzione scenografica con la regia e la rielaborazione drammaturgica di Monica Maimone. Una libera interpretazione della storia della città, dalle origini mitologiche del drago Tarantasio e della ninfa Mephite ai versi di Ada Negri. Ballerini e acrobati, giochi di luce e di acqua, teatro e danza per una serata di forte coinvolgimento emotivo.
Valerio Festi, con il suo studio, si è costruito un’identità di architetto di situazioni, capace di trasformare gli ambienti, di ridare significato alle ricorrenze, di travestire gli spazi urbani. Ha ideato eventi di grande dimensione in oltre 200 città, tra cui Parigi, Roma, Mosca, Madrid, Tokyo, Milano, Bogotà, Pechino, Lisbona e Bilbao (www.studiofesti.com).

2/3 agosto – Il compleanno in piazza: la luce dopo le tenebre
Alla vigilia della data della fondazione del 3 agosto si spegneranno simbolicamente le luci della piazza, in memoria della distruzione, e si accenderà, come metafora della rinascita, la nuova illuminazione creata per valorizzare gli edifici e tutto il quadrilatero.
Nel giorno del compleanno, invece, una grande festa in piazza nella migliore tradizione popolare delle estati italiane con un gran ballo e la più classica Tombola in una cornice di prestigio come quella della piazza lodigiana.

3 dicembre – Il concerto conclusivo
ll 3 dicembre 1158, quattro mesi dopo aver fondato la nuova Lodi, Federico Barbarossa formalizzò il riconoscimento della città con un apposito decreto imperiale.
 La città celebra la ricorrenza in forma solenne con un concerto per coro e orchestra nei monumentali spazi della Cattedrale, dove la Bottega dell’Arte in Musica, diretta dal maestro Stefano Michelangelo Lucarelli interpreterà la IX Sinfonia di Ludwig van Beethoven.

Durante l’anno ci saranno diversi momenti di ricerca, quali convegni, presentazioni di libri e mostre di approfondimento della tradizione locale oltre ad occasioni di cura delle relazioni, anche internazionali.
Dal 16 al 18 maggio, ad esempio, per rinsaldare i rapporti di amicizia che legano Lodi ad altre città – italiane e del mondo – verranno ospitate delegazioni provenienti dalla Lodi californiana, dalla tedesca Costanza, da Monaco di Baviera (che condivide con Lodi l’anno di "nascita", il 1158) e da Omegna in Piemonte. Il programma prevede: ricevimento ufficiale a Palazzo Broletto, una rappresentazione scenica, una mostra fotografica, coreografie di ballo, un’escursione in bicicletta e una in carrozza d’epoca dalla Lodi antica a quella nuova. Al termine una solenne Messa cantata in Cattedrale.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,573FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -spot_img