19.2 C
Milano
martedì, Maggio 24, 2022

8 MAGGIO - FESTA DELLA MAMMA

Array

Partito a Buccinasco il progetto "Truffa Stop", contro le truffe e ai raggiri da parte dei malintenzionati

Ultimo aggiornamento il 10 Ottobre 2009 – 9:56

(mi-lorenteggio.com) Buccinasco, 10 ottobre 2009 – Un pomeriggio insolito quello dei pensionati del Centro Anziani di via Marzabotto a Buccinasco, che oltre a essersi visti il loro centro "pieno" di telecamere e autorità, hanno assistito ai consigli contro le truffe e ai raggiri da parte dei malintenzionati.

Dopo esser stato consegnato un decalogo, il comandante della Polizia Locale, Matteo Lai,  ha presentato loro il progetto "Truffa Stop",  che consentirà loro di apprendere consigli e suggerimenti per  ridurre il rischio di restarne vittime, con un ciclo di incontri, che si terranno nelle prossime settimane.

L’iniziativa è stata voluta dall’assessore alla Protezione Civile, Prevenzione e Polizia Locale della Regione Lombardia, Stefano Maullu, che un mese fa ha siglato un accordo pilota con i sindaci di Buccinasco (Loris Cereda), Melegnano (Vito Bellomo) e San Donato Milanese (Mario Antonio Dompè) per la realizzazione di azioni e interventi di sicurezza urbana da parte della Polizia.

In cattedra, oltre a Maullu e  al sindaco Loris Cereda e l’assessore comunale alla Sicurezza, Tiziana Maiolo, anche il vice questore aggiunto della Polizia di Stato, Marco De Nunzio.

"Il nostro progetto sperimentale – ha commentato l’assessore Maullu – è diventato un caso di successo che sicuramente ci invita ad estendere ad altre realtà questa iniziativa creata per offrire un’adeguata informazione, specificamente rivolta ai cittadini anziani, sulle modalità con cui i reati avvengono e su alcune cautele di comportamento adottabili per prevenirli".

"Tra questi – ha proseguito Maullu – anche l’invito a rivolgersi alle Forze dell’Ordine senza alcuna vergogna (non tutti gli episodi di truffa di cui rimangono vittime gli anziani vengono infatti segnalati), a prestare attenzione a persone apparentemente gentili e ben vestite che propongono di vendere falsi beni preziosi per ottenere liquidità e raggiungere il paese d’origine o suggeriscono donazioni a scopo di (finta) beneficenza o, ancora, che chiedono di firmare una sottoscrizione che poi si rivela essere un contratto di vendita, per onorare il quale viene richiesto un pagamento".

Il vice  questore aggiunto De Nunzio, ha ricordato l’impegno della Questura di Milano contro i truffatori, dove vi è una squadra specializzata contro questo tipo di reati. Solo un caso su cinque dei casi  truffa riguarda gli anziani, per questo, la squadra è molto attiva e compentente.

Il sindaco Cereda, invece, ha ricordato che nel suo Comune, 30.000 abitanti di cui 9.000 anziani, è stata programmata una serie di incontri con gli over 65 (quello odierno è il quarto), organizzati nei luoghi in cui di solito si ritrovano, e la partecipazione sta dando risultati incoraggianti.

"Vogliamo dare dimostrazione di come sia la politica fatta in verticale – ha precisato – ossia andando a risolvere i problemi con azioni che vanno in profondità, al contrario di chi ha fatto dell’orizzontalità il modo con cui viene interpretato il ruolo di amministratore pubblico che partecipa ad eventi e incontri sul territorio ma non entra mai nel vivo delle questioni".

V.A.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,551FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -