17.3 C
Milano
sabato, Aprile 20, 2024

Proverbio: D'aprile non ti scoprire.

Array

Rozzano. Case popolari, apre il bando 2010

(mi-lorenteggio.com) Rozzano, 7 settembre 2010 – Apre martedì 14 settembre il nuovo bando utile alla formazione della graduatoria per l’assegnazione degli alloggi popolari. La modulistica potrà essere ritirata fino al 25 ottobre prendendo un appuntamento al numero verde del Comune 800.31.32.32 oppure rivolgendosi al CIRP (Centro Informazioni e Relazioni con il Pubblico) in piazza Foglia, aperto dalle 8 alle 19 dal lunedì al venerdì, il sabato dalle 8 alle 12.

Al momento del ritiro verrà fissato un appuntamento, nel giorno e nell’orario concordati con il singolo cittadino, per la riconsegna della domanda compilata e firmata, compresa la documentazione necessaria per inserirla nel sistema informatico regionale e assegnare il punteggio.

Per partecipare al bando bisogna essere residenti o lavorare da almeno 5 anni consecutivi in Regione Lombardia e possedere un reddito ISEE non superiore ai 14 mila euro. Fra i requisiti c’è anche quello di non avere mai occupato una casa abusivamente e di non essere stati sfrattati per morosità da alloggi di edilizia residenziale pubblica negli ultimi 5 anni. Chi desidera presentare domanda deve inoltre risiedere o lavorare regolarmente a Rozzano o in un altro Comune dove non siano stati indetti, per due semestri consecutivi, bandi per l’assegnazione di case popolari.

Nel bando 2010 il Comune assegnerà una quota di alloggi a uomini soli separati, non più giovani e rientrati nel nucleo famigliare d’origine, con reddito certo deducibile dal modello CUD e mantenimento da versare per i figli o per la ex consorte. Inoltre, chi proviene da nuclei familiari assegnatari di alloggi ALER con situazioni di morosità si dovrà impegnare in un piano di rientro dalla situazione debitoria (pena la mancata assegnazione dell’alloggio). Esiste inoltre una riserva per gli appartenenti alle Forze dell’Ordine.

“Le azioni per migliorare la qualità dell’abitare a Rozzano sono sempre una priorità per l’Amministrazione – dice il sindaco Massimo D’Avolio – in questi anni abbiamo raddoppiato il numero delle assegnazioni anche grazie al contrasto dell’abusivismo e intensificheremo i controlli sulle autocertificazioni per consentire di accedere agli alloggi ERP a chi ne abbia realmente bisogno”.

“La richiesta di alloggi popolari è molto alta e anche quest’anno ci siamo organizzati al meglio per supportare i cittadini nella partecipazione al bando, dal ritiro della modulistica alla riconsegna – spiega Miriam Pasqui, assessore alle politiche abitative – cresce il numero delle assegnazioni a chi ha uno sfratto esecutivo da alloggi locati sul mercato privato, a testimonianza della crisi economica in cui versa il Paese”.

Ogni anno sono circa un centinaio gli alloggi consegnati dal Comune ai cittadini entrati in graduatoria. In base alla normativa i nuclei familiari entrati nella graduatoria 2009 che non hanno ancora risolto il problema della casa, devono rinnovare la domanda anche per il 2010 e segnalare le eventuali modifiche della loro situazione socio-economica come la nascita di un bambino, l’esecuzione di uno sfratto oppure una sentenza di separazione.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,585FansMi piace
160FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -