7 C
Milano
martedì, Febbraio 7, 2023

Proverbio: Febbraio, febbraiello, cortino e bugiardello

Si torna alla normalità nei presidi ospedalieri dell’Asst Rhodense

L’attività sta gradualmente riprendendo e dovrebbe essere a regime in settembre

(mi-lorenteggio.com) Garbagnate Milanese, 2 agosto 2021. Nei presidi dell’Asst Rhodense si sta gradualmente riprendendo la normale attività ospedaliera che dovrebbe tornare a regime nel mese di settembre. Questo a fronte di una pressione sui Pronto Soccorso aziendali che si attesta, per numero e tipologia di accessi, sui volumi gestiti nel periodo pre-covid. L’attenzione in termini di sicurezza resta comunque sempre molto alta con lo screening dei pazienti in ingresso, in queste ultime settimane le poche persone risultate positive, e asintomatiche, sono state trasferite presso i Centri Hub.

La riapertura di tutti i reparti come “covid free”, compresa la Terapia Intensiva dell’Ospedale di Rho, ha permesso il ritorno alla normalità consentendo di gestire appieno tutte le altre patologie. Entrambi i Blocchi Operatori sono in funzione sia per interventi elettivi che urgenti, le reti tempo-dipendenti STEMI e STROKE sono attive, stessa cosa per il percorso riabilitativo, e cure subacute, dei pazienti in dimissione dai presidi.

“Saranno attivati entrambi i reparti di chirurgia polispecialistica con l’intero contingente di posti letto,  la riabilitazione specialistica ortopedica,  neurologica e vascolare, quest’ultima temporaneamente trasferita a Passirana rientrerà a Garbagnate – spiega il direttore della Gestione Operativa dell’Asst Rhodense, John Tremamondo –   Presso l’ospedale Casati riprenderà l’attività di degenza con posti letto di cure subacute e riabilitazione specialistica come la pneumologica, cardiologica ed estensiva. Allo stesso modo si garantiranno tutte le agende ambulatoriali attive nel periodo pre-covid”.

“La competenza e la dedizione dei nostri professionisti sanitari, a cui va il mio ringraziamento per l’impegno costante, e  il calo della pressione ospedaliera ci permette di guardare al futuro con maggiore ottimismo – dice Ida Ramponi, direttore generale dell’Asst Rhodense e conclude – pur mantenendo alta l’attenzione per non  vanificare i risultati ottenuti finora”.

V.A.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,573FansMi piace
162FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -spot_img