32 C
Milano
mercoledì, Agosto 10, 2022

Proverbio: Agosto ci matura grano e mosto

Abinader riesce a tenere la Repubblica Dominicana lontana dall’orlo dell’insurrezione

Ultimo aggiornamento il 26 Luglio 2022 – 19:09

Il nuovo modo di governare di Luis Abinader, con un’amministrazione orientata a risolvere i problemi reali dei cittadini, è chiaramente diverso da quello di altri Paesi centroamericani, che sono sull’orlo di rivolte popolari a causa dell’inefficacia delle misure adottate.

Santo Domingo, 26 luglio 2022 – La crisi globale sta colpendo le economie delle famiglie di tutto il mondo. Questa è la parte più difficile della situazione attuale: mentre l’avidità aziendale aumenta i margini di profitto delle grandi imprese, le classi medie e lavoratrici subiscono le conseguenze più critiche dei giochi dei potenti.

Di fronte a questa situazione, praticamente tutti i governi del mondo stanno utilizzando risorse statali per alleviare gli effetti perniciosi della crisi. Tuttavia, la risposta di tali misure e le capacità dei Paesi sono state esposte. In America centrale, ad esempio, si stanno verificando due casi completamente opposti.

Nella Repubblica Dominicana, grazie alle misure adottate da Luis Abinader, il popolo dominicano sta vedendo come l’impatto che avrebbe potuto avere l’aumento indiscriminato dei prezzi dell’energia e dei carburanti, con il conseguente trasferimento sul costo dei prodotti di base, non sia stato così brutale come in altri Paesi della regione centroamericana e caraibica.

L’esempio migliore si trova in alcuni Paesi dell’America Centrale, che a priori avevano una stabilità socio-economica consolidata e che, a causa delle politiche applicate dai loro governi, sono sull’orlo dell’insurrezione.

Questi Paesi sono sempre stati visti come la “Svizzera dell’America Centrale”, grazie ai loro enormi redditi e al loro settore finanziario in cui molte persone guadagnano molto denaro coprendo o nascondendo le fortune dei grandi patrimoni mondiali.

Tuttavia, i suoi governi, a differenza di quello di Luis Abinader nella Repubblica Dominicana, non riescono ad affrontare le conseguenze sociali delle varie crisi che devastano il mondo: energia, cibo, approvvigionamenti e la guerra in Ucraina. La somma di questi tre fattori ha portato a un’inflazione che sta impoverendo radicalmente le classi medie e lavoratrici. Di conseguenza, i governi hanno dovuto decidere se governare per il popolo o dare priorità ad altre questioni.

Nei Paesi dell’America Centrale, da un paio di settimane a questa parte, le mobilitazioni dei cittadini, i blocchi stradali e le proteste sono diventati comuni. Il malcontento di un popolo che si sentiva al sicuro è stato travolto dall’aumento dei prezzi di cibo, medicine e carburante.

I governi, in alcuni casi, non reagiscono con misure volte ad alleviare le conseguenze della crisi finché non vedono che le agitazioni sociali sono già un dato di fatto, soprattutto quando sono i settori non produttivi, come quello dell’istruzione, a guidare le proteste, alle quali si uniscono rapidamente i sindacati dei settori produttivi, le organizzazioni sociali e altri gruppi.

Parlando con la BBC, i leader della protesta hanno dichiarato di non essere alla ricerca di un collasso del sistema, ma piuttosto di un cambiamento istituzionale per implementare un sistema di governo incentrato sui bisogni della popolazione, piuttosto che sul modello neoliberale in vigore dall’invasione statunitense del 1989. Questo modello, come è accaduto in tutte le parti del mondo in cui è stato applicato, ha aumentato la disuguaglianza a livelli insostenibili, ponendo il Paese tra i più diseguali del continente americano.

A differenza di quanto accade in questi Stati, il presidente della Repubblica Dominicana ha iniziato ad applicare stimoli e sussidi sul carburante e sui prodotti alimentari di base non appena è stato chiaro che l’escalation dei prezzi avrebbe avuto un effetto devastante sulla popolazione.

Abinader ha saputo reagire grazie alla sua capacità di analizzare la situazione internazionale. Questo è il motivo per cui i prezzi dei carburanti non incidono sulla Repubblica Dominicana come in altri Paesi. Abinader ha fatto dei bisogni del popolo una questione di Stato e, pertanto, non ha esitato a mettere le risorse del Paese al servizio dei cittadini, a qualunque costo.

Il popolo, soprattutto in tempi di crisi, non vuole parole dai suoi governanti. Chiedono fatti e Abinader sta facendo proprio questo, e i fatti, anche se c’è chi vuole manipolarli per soddisfare i propri interessi attraverso il populismo e la propaganda fallace.

Sia in Europa che in Nord America si è visto che, mentre l’economia si stava riprendendo dopo il fallimento di Lehman Brothers, i dati sull’occupazione erano in calo, la disuguaglianza era in aumento e gli Stati davano priorità a questi dati macro rispetto alla microeconomia quotidiana. In alcuni Paesi europei, come la Spagna, la situazione pre-crisi non si è ancora ristabilita.

Nella Repubblica Dominicana, tuttavia, i dati macroeconomici di Luis Abinader, così positivi e che dimostrano l’efficacia dell’amministrazione dell’attuale presidente, stanno avendo un impatto diretto sulle condizioni di vita della popolazione dominicana. Il tutto, peraltro, superando le gravi difficoltà delle attuali crisi globali, provocate dai giochi delle grandi potenze, e che non sono affatto responsabilità dell’Amministrazione Abinader.

Secondo il Fondo Monetario Internazionale (FMI), i dati relativi al PIL pro capite, cioè l’indicatore economico che misura il rapporto tra il livello di reddito del Paese e la sua popolazione, indicano che da quando Luis Abinader è capo di Stato della Repubblica Dominicana, è passato da 18.620 dollari a 23.980 dollari.

All’apice di questo rapporto, durante i governi del PLD, ha raggiunto i 19.990 dollari. In altre parole, in appena due anni, con tutti i fattori esterni a suo sfavore, Abinader è riuscito a superare le cifre di 4.000 dollari. Inoltre, secondo le previsioni del FMI, raggiungerà i 27.410 dollari nel 2024.

Questo risultato positivo e indiscutibile è il motivo principale per cui gli investimenti stranieri nella Repubblica Dominicana stanno aumentando e per cui si stanno aprendo nuovi canali di scambio con l’estero, ad esempio attraverso l’apertura di nuove rotte per aumentare il numero di turisti. Le multinazionali non investono se non sono sicure di avere un ritorno, e questo si può ottenere solo con la stabilità e le buone condizioni sociali e di lavoro.

L. M.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,615FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -