31.7 C
Milano
mercoledì, Luglio 6, 2022

Proverbio: Luglio poltrone porta la zucca col melone

Array

“Radon 222 – La storia che non si deve raccontare” la prima opera teatrale ispirata dal terremoto che ha sconvolto l’Abruzzo

Ultimo aggiornamento il 26 Maggio 2009 – 21:09

(mi-lorenteggio.com) Milano, 26 maggio 2009 – Debutto milanese per Silvio Sarta che, in veste di autore, regista e interprete, sale sul palcoscenico del Teatro Franco Parenti il 28 maggio per una prima teatrale di grande attualità e qualità. “Radon 222 – La storia che non si deve raccontare” è in assoluto la prima opera teatrale sul terremoto che, il 6 aprile, ha sfigurato e cambiato per sempre parte del territorio dell’Abruzzo.

A L’Aquila, Onna, Paganica, e negli altri centri colpiti dal sisma, dal giorno dopo si scrivono pagine meravigliose di solidarietà e volontà di ricostruzione e rinascita. L’Italia intera continua a mobilitarsi e cerca, stavolta, di non sbagliare. Ma c’è una storia diversa, scomoda, che è difficile e doveroso raccontare. E’ certo che un terremoto non si può prevedere in assoluto; ma è altrettanto certo che qualcosa è possibile fare. Nella zona, da mesi, le scosse si susseguivano. Il radon, gas nobile considerato un precursore del sisma, collezionava picchi di emissione. Poco prima di quella mezzanotte del 6 aprile, la terra tremò violentemente: l’ultimo allarme. Ma molti, confusi o forse frettolosamente rassicurati, rientrarono in casa. Poi, la scossa mortale delle 3 e 32. “Radon 222” racconta l’interminabile attesa di quelle poche, misteriose ore, e consegna alla Storia, attraverso il linguaggio e la suggestione del teatro, la domanda che molti abruzzesi si pongono: cosa si sarebbe potuto ragionevolmente fare, prima?

“Radon 222”, vedrà in scena al teatro Parenti – Sala Fastweb Foyer – Silvio Sarta in veste di narratore, oltre che regista (aiuto regista Federico Colomo), e autore del testo insieme alla geologa e sismologa Mirta Morrone. Le atmosfere notturne verranno rese dal gruppo “Viento Vivo”, formato da quattro musicisti abruzzesi, uno dei quali, aquilano, scampato alla catastrofe. La voce fuori campo è quella di Marina Moretti.

http://www.youtube.com/watch?v=5nTL8ycgcjk  

Ingresso a offerta libera su invito a sostegno del progetto “LA SPERANZA NON TREMA” per la costruzione di un centro di accoglienza e avviamento al lavoro per persone con disabilità in Abruzzo. Per prenotazione invito: 02 89 07 83 50.

Redazione

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Ads -
2,610FansMi piace
161FollowerSegui
0IscrittiIscriviti

Ultime news

- Ads -